Utente 221XXX
Salve, sono una ragazza di 20 anni. Partendo dal presupposto che ho sempre sofferto di dolori reumatici alle gambe, sopratutto di notte spesso causandomi insonnia con caviglie che scricchiolano di continuo, a settembre ho cominciato a fare l''arbitro di calcio e all''inizio tutto bene, fin quando pero verso febbraio ho cominciato a avere dolori alla coscia sinistra rendendomi impossibile il proseguio dell''attività. Pensando si potesse trattare di uno strappo, anche se non avevo sentito "tirare", sono stata a riposo ma dopo circa due mesi di inattività il dolore è peggiorato estendendosi persino al gluteo e di recente a tutta la parte bassa delle schiena, quasi a fascia; a volte mi fa tanto male anche solo a camminare. Così dietro suggerimento del medico curante ho fatto una radiografia alla colonna vertebrale, il cui responso è stato:
"Lieve scoliosi destro-convessa dorso-lombare con rotazione dei corpi vertebrali sul piano orizzontale da D12 a L4. Alterata la statica del bacino sull''asse orizzontale con debole sollevamento dell''anca sinstra; modicamente sollevato il cingolo scapolare di destra. In latero-laterale si apprezza una lieve accentuazione della cifosi dorsale. Il tratto cervicale è verticalizzato; iperlordosi lombare. Riduzione ampiezza dello spazio intersomatico L5-S1"
Il medico mi ha solo consigliato di fare nuoto, senza che dovessi ricorrere ad alcun farmaco eccetto antiinfiammatori nel caso in cui il dolore aumenti. Cosa devo fare? Bastera il nuoto a guarirmi o comunque a farmi migliorare? Posso continuare a correre, almeno dal prossimo inverno?
Ringrazio di cuore chiunque decida di rispondermi.
Cordiali Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Elena Nassiacos

24% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2013
utile CPK per sintomatologia agli arti inferiori,evitare nel nuoto movimenti anteriori che incrementano ipercifosi.utile rialzo calcaneale destro se eccessiva dismetria emibacino da valutare a successivo a videat specialistico
Dr. Elena Nassiacos