Utente 703XXX
GENTILI DOOTORI AIUTATEMI A CAPIRE L'ORIGINE DEL MIO DOLORE E COSA DEVO FARE DAL MOMENTO CHE LIMITA TANTO LA MIA VITA NORMALE.
RX COLONNA :ATTEGGIAMENTO SCOLIOGENO DORSALE DESTROCONVESSO E LOMBARE SINISTROCONVESSO.
DISMETRIA DEL BACINO PER SOVRAELEVAZIONE DELLA CRESTA ILIACA DI DESTRA DI MM10 RISPETTO ALLA CONTROLATERALE. ACCENTUATA LA LORDOSI LOMBARE NON EVIDENTI SEGNI DI ALTERAZIONI STRUTTURALI OSSEE METAMEFRICHE.
IL DOLORE LO AVVERTO IN UN PUNTO PARTICOLARE DELLA DORSALE SINISTRA E POI A DESTRA SOTTO LA SCAPOLA . AVVERTO COME UNA PUNTURA FORTE E ACUTA CHE MI FA SALTARE E MI OBBLIGA A MASSAGGIARMI FORTE DIETRO LA SCHIENA PER ALLEVIARE LA SCOOSA CHE SENTO .
INOLTRE E' PEGGIORATO L'ALLUCE SINISTRO . GRAZIE

[#1] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gent.le utente,
brevemente:
-una valutazione clinica neurologica, ed
-una valutazione clinica fisiatrica.
Verosimilmente seguirà un trattamento integrato farmacologico/mini-invasivo (infiltrativo) neurologico/terapia del dolore cronico a genesi benigna ed una riabilitazione posturale individualizzata al suo caso.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente 703XXX

Gentile dott.Poli grazie per la risposta. le volevo solo dire che nel 2008 al Columbus (rematologia. ) di Roma, mi praticarono infiltrazione di carbocaina nei punti dove avvertivo il dolore e il dolore non lo sentii per un anno, poi ritornò forse per stress o colpo di freddo ,
ritornai a Roma ben 2 volte, stessa pratica, anche lo stesso dottore, ma il dolore era sempre lì
inoltre sono stata diversi anni fa dal neurologo che l'ha classificato come dolore nocicettivo prescrivendomi il lyrica 75 senza però aver nessun risultato .
inoltre ho praticato due tipi di agopuntura :l'auricolopuntura con la quale il dolore scomparve solo dopo due sedute tranne che ripresentarsi dopo alcuni mesi e senza più avere effetto . inoltre un mese fa ho provato con gli aghi e infiltrazioni di medicine omeopatiche in ospedale da un agopuntore esperto e riconosciuto ma niente . il dolore lo sento sempre .
certo adesso farò ginnastica posturale anche se la feci tanto tempo fa senza risultato .
dottore sono stanca anche perché io mi occupo di mamma invalida e vorrei tanto stare bene . è possibile che io non debba sapere perché il dolore si insinua in quel punto particolare, e che mi fa saltare !
l'ultimo posturologo mi ha detto: DORSALGIA POSTURALE CON IMPEGNO DI D5/D6 IN SCOLIOSI LOMBARE SIN.CONVESSA. ASSETTO POSTURALE STATICO A CARICO DX 55% E MI HA PRESCRITTO RIEDUCAZIONE POSTURALE GLOBALE CON ESERCIZI DI MOBILIZZAZIONE E STIRAMENTO ATTIVO. SLOCCO TORACICO E DIAFRAMMATICO MASSOTERAPIA DECONTRATTURATE RACHDIE IN TOTO. MERCOLEDI INIZIO LA POSTURALE DI MEZIERES MA E' SOLO UN ENNESIMO TENTATIVO .
SONO SOLO STANCA DI GIRARE . MI AIUTI.

[#3] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gent.le
in più step terapeutici ha eseguito nel tempo qual che Le avrei eventualmente proposto io ovvero in un unico approccio interdisciplinare ovvero:
-riabiliitazione posturale globale del rachide individualizzata;
-trattamento farmacologico con miorilassanti centrali (es: sirdalud) ed antidolore neuropatico (es: lyrica e duloxetina in associazione) più una ultima movità che sta andando per la maggiore nel trattamento del dolore neuropatico, nelle forme dolorose complesse quali la CRPS e nella ricerca umana del trattamento di malattie neurodegenerative (il PEA));
-in associazione a tecniche infiltrative loco-regionali (corticosteoride ed anestetico locale) nei punti maggiormente dolorosi alla digitopressione;
Naturalmente l'approccio intergrato dopo una preliminare valutazione clinica neurologica.

Cordialmente,
Dr. Otello Poli,
http://www.europeanhospital.it/uos/neurologia_clinica.html
http://trepinilab.it/servizi/specialistica/neurologia/
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#4] dopo  
Utente 703XXX

Grazie ancora dottore Poli per la sua risposta veloce, chiara ed esaustiva.
adesso le dico che il posturologo mi ha prescritto il flexiban e il kolibrì ma sto prendendo solo il flexiban , va solo un pò meglio ma dipende dai momenti .
quando sono tesa il dolore arriva e si localizza sempre nello stesso punto .
prima ho dimenticato di dire che nel 2007 andai da un neurochirurgo molto bravo che mi parlò di sindrome mio fasciale e dei punti trigger , mi praticò lui stesso in ospedale le infiltrazioni di cortisone ma il dolore non scomparve anzi peggiorò e mi disse di prendere il neurontin ma io lo presi solo per poco tempo , non mi faceva effetto. poi fu la volta del Columbus ma ho dovuto lasciare anche quella strada.
anche il sirdalud ho preso ma senza risultati. mi può dire della novità nel trattamento del dolore neuropatico e quale è il medicinale e chi lo prescrive?
da dove devo ricominciare? e chi mi deve prescrivere le infiltrazioni e la sostanza da iniettare e dove si praticano? quale è la figura di riferimento?
sono davvero stanca di non stare bene. grazie comunque di cuore.

[#5] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gent.le
mi era sembrato esser stato chiaro: mi sbagliavo. Colpa mia e mi scuso. La eventuale proposta di trattamento prospettatale rappresenta una opzione teraputica unica: approccio integrato poichè agirebbe da diversi punti di vista sulla medesima problematica. Non si tratta di un farmaco o di una infiltrazione o di una pratica fisica tra le quali sciegliere. L'approccio è globale: così come si trattano la fibromialgia, la sindrome dolorosa miofasciale, i trigger ed i tender points.
Perchè il trattamento sia efficace, come mi era parso di aver scritto nel primo contatto, gli step sono i seguenti:
-valutazione clinica (visita accurata) neurologica diretta;
-quindi la figura di riferimento è il neurologo esperto nella terapia del dolore;
-poi pianificazione del trattamento che comprenderà:
-alcuni farmaci (gradualmente titolati),
-tecniche mini invasive loco-regionali (infiltrazioni),
entrambe le fasi ci competenza neurologica/terapia del dolore; quest'ultimo coadiuvato da trattamento fisico/riabilitativo di competenza di un tecnico di riabilitazione che operi su indicazione dello specialista in neurologia/terapia del dolore.

Nuovamente con cordialità.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#6] dopo  
Utente 703XXX

GRAZIE DOTTORE MA SONO IO CHE NON HO CAPITO ANCHE NEGLI ANNI PASSATI .
MA NON SAPEVO CHE DOVEVO RIVOLGERMI AD UNO SPECIALISTA UNICO E COSI HO PERSO TANTO TEMPO PREZIOSO.
FARO' COSI MI INFORMERO' AL PIU PRESTO E LE FARO' SAPERE, NEL FRATTEMPO FARO' RIEDUCAZIONE POSTURALE PERCHE MI SENTO MOLTO RIGIDA E CONTRATTA. SPERO TANTO DI RISOLVERE QUESTO MIO PROBLEMA CHE INIZIA DAL 1994 . GRAZIE ANCORA.