Utente 763XXX
Gentilissimi Medici. Mi chiamo Liliana ed ho 21 anni.
Mi è capitato un problema per il quale chiedo un Vs. consulto esperto.
Domenica pomeriggio, ho fatto stupidamente un tuffo dove l’acqua era troppo bassa (circa 1 metro di profondità) urtando perfettamente in posizione verticale contro il fondale di sabbia.
Ho sbattuto la testa (la quale non ha riportato danni) e dopo essere riemersa ho accusato l’assoluta immobilità del collo, totalmente bloccato sia nei movimenti longitudinali che trasversali e estremamente dolorante.
Quindi mi sono recata in guardia medica, stando accorta a non fare movimenti. Li mi hanno subito applicato un collare rigido e con l’ambulanza mi hanno trasferita all’ospedale più vicino.
Da li sono iniziati tutti gli accertamenti di routine seguiti dal ricovero in Day Hospital.
Al pronto soccorso i Medici mi hanno misurato la pressione sanguigna (120/70), mi hanno chiesto se accusavo formicolii, giramenti di testa, senso di nausea, se avevo forza per stringere adeguatamente una oggetto ecc… Tutto Ok. Il mio corpo stava bene a parte il forte dolore al collo che ancora oggi non riesco a muovere e ad un leggero dolore alla schiena. Inoltre noto che una vertebra (penso la settima, la più prominente) che ricordavo sporgesse un pò più verso l’esterno, la sento ancora tutt’oggi più rientrata, (anche se in verità un minimo segno di normalizzazione oggi lo sto notando).
Mi hanno fatto delle radiografie al collo, alcune frontali, sia con la bocca aperta che chiusa, e alcune laterali, ma nessuna dal posteriore.
Successivamente, dopo la visita al reparto di ortopedia, il medico ha pensato di farmi fare anche una TAC. e di tenermi comunque sotto osservazione per tutta la notte, per poi dimettermi l’indomani mattina con la seguente diagnosi:
DISTORSIONE AL RACHIDE CERVICALE (SECONDO LORO ALLA STREGUA DI UN COLPO DI FRUSTA);
PRESCRIZIONI: Continuare a tenere il collare per 8 giorni e antinfiammatorio al bisogno.
A parte questo non mi hanno detto che destino mi spetta dopo i fatidici 8 giorni e per questo Vi chiedo:
- Dovrò fare fisioterapia? E di che tipo?
- Dato che mi hanno fatto esami radiografici solo all’altezza del collo e considerando che accuso ancora dolore alla schiena oltre che al collo, pensate che dovrei fare degli esami più accurati relativi a tutta la colonna Vert.?
- Nell’arco di questi 4 giorni mi è capitato un paio di volte di avere dei leggeri giramenti di testa. Sono imputabili al fattaccio?
- Secondo Voi per quanto tempo accuserò dolori e/o handicap vari?

QUALSIASI VOSTRO CONSIGLIO è BENE ACCETTO… FACCIO SPORT COSTANTEMENTE E VORREI EVITARE IN QUALSIASI MODO CHE QUESTO DANNO MI PROVOCHI FASTIDI NEL TEMPO…
GRAZIE ANTICIPATAMENTE
SALUTI Liliana I.

[#1]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile Liliana, è proprio vero su quanto scrive. Non sottovaluti il problema del suo trauma al rachide cervicale.
E' descritto appunto il tuffo in acqua con distorsione del rachide cervicale, e puo provocare a volte danni gravissimi per iperflessione del collo. Per fortuna sua non è stato così in Lei. Legga nel forum Minforma del Sito di Medicitalia il mio articolo " Colpo di frusta cervicale " troverà tutte le risposte al suo caso clinico. Il colpo di frusta cervicale o trauma distorsivo rachide cervicale è una lesione, di grado solo apparentemente minore, per nulla banale, spesso sottovalutata o addirittura trascurata nell’immediatezza del trauma, ma la cui evoluzione nei giorni e/o addirittura nelle settimane successive può dar luogo a molteplici e complesse sindromi morbose clinico-funzionali.
Penso che sin adesso sia stata valutata bene dai colleghi che la stanno trattando. Continui ad affidarsi agli ortopedici che la seguono, ma il collare ortopedico potrebbe essere tenuto un po di più.
Dopo il consulto ortopedico può iniziare un idoneo trattamento fisiochinesico.
Ho già spiegato tantissime volte anche in questo sito a tanti pazienti con gli stessi suoi problemi, e può leggere i consulti al riguardo cliccando sul mio nome e esaminando il link .
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -