Utente
Buonasera,
Le chiedo un consulto per il mio convivente (un ragazzo di 29 anni)
Circa 2 mesi fa mi gli è stata diagnosticata la colite ulcerosa ed è tuttora in cura con mesavancol.
Circa due settimane fa gli si sono gonfiati i linfonodi dell’inguine con dolore, febbre costante durante il giorno per i primi giorni poi ha incominciato a presentarsi con intermittenza nel corso della giornata (36,5-37 di giorno e >38 la sera o nel corso della notte, per poi ritornare bassa al mattino), diarrea con feci liquide,mal di gola, tosse e pesantezza al torace. Dopo 5 gg è andato al PS su consiglio del medico di base per farsi prescrivere un antibiotico idoneo visto il problema di colite ulcerosa. Al PS gli hanno fatto una lastra al torace che è risultato pulito e l’esame del sangue:
- tempo di protrombina: 58.7% e INR 1.21
- PTT 32.6 sec e RATIO 1.14
- Fibrinogeno: 630.1
- P-glucosio: 113mg/dL
- Creatinina plasmatica: 0.9mg/dL
- AST-GOT: 23 U/L
- ALT-GPT 23 U/L
- P-bilirubina 0.17 mg/dL
- Urea 34 mg/dL
- CPK 41 U/L
- Na 141 mmol/L
- K 3.62 mmol/L
- Cl 103 mmol/L
- LDH 232 U/L
- Ca totale 8.7 mg/dL
- Proteina C reattiva 12.37
- Leucociti 16.77 10^3/uL
- Eritrociti 3.82 10^6/uL
- Hb 10.5 g/dL
- Hct 31.8 %
- MCV 83.2 fL
- MCH 27.5 pg
- MCHC 33 g/dL
- Piastrine 416 10^3/uL
La diagnosi è stata bronchite e ha iniziato la cura antibiotica con Ciproxin 500gr e brufen come antiinfiammatorio. Durante i 10 giorni di cura i sintomi non si sono mai affievoliti e la febbre ha continuato a comparire con la solita intermittenza.
Ora è in cura con Augmentin, fluimucil, aereosol e brufen ma i sintomi rimangono invariati.
Nel frattempo ha effettuato altri esami del sangue (con i medesimi parametri) e un tampone faringeo ed è in attesa dell’esito.
Vorrei avere da lei un’opinione su cosa si potrebbe trattare e si mi può consigliare cosa fare (p.e. visita specialistica).

La ringrazio anticipatamente, cordiali saluti

[#1]  
Attivo dal 2010 al 2011
Sono necessari prima i risultati degli accertamenti.

Se sia necessaria una consulenza specialistica, è compito del Medico di Medicina Generale il deciderlo e scegliere quale. Ad ogni modo, senza conoscere i risultati degli accertamenti richiesti (che immagino siano principalmente anticorpi contro i virus più frequenti e alcuni batteri), non è possibile orientarsi.

[#2] dopo  
Utente
Grazie.
Appena avrò i risultati e se sarà necessario, le chiederò un ulteriore consulto.
il problema è che gli si sono riacutizzati i sintomi della colite ulcerosa e quindi continua a dimagrire e questa febbre non va via.
quello che mi chiedo quanto ci si deve preoccupare per questa febbre? è normale che pazienti con la colite ulcerosa siano più delicati e impieghino più tempo a guarire, anche da una banale bronchite, ma quando devo incominciare ad allarmarmi(essendo coinvolta emotivamente è difficile rimanere obiettivi)?

La ringrazio ancora.


[#3]  
Attivo dal 2010 al 2011
Vero. Probabilmente sarebbe opportuno un incremento del dosaggio del farmaco che già prende (Salazopirina?) ma deve essere monitorato da chi lo segue, Medico di Medicina Generale o Gastroenterologo.

[#4] dopo  
Utente
Lunedì avremo gli esiti, ma sinceramente leggendo l'elenco degli esami effettuati sul prelievo venoso non trovo indicazioni su esami più specifici per verificare i gli anticorpi contro i virus più frequenti e alcuni batteri. non so se con il tampone faringeo si possano ottenere tali informazioni.
comunque il medico di base ci ha proposto un eventuale ricovero per effettuare esami più specifici in caso i sintomi non passassero entro lunedì.
per la colite ulcerosa il mio convivente prende il mesavancol (mesalazina) ad un dosaggio alto perchè presentava uno stato di infiammazione di tutto il colon medio/alto, il gastroenterologo ora ci ha proposto un cambio di cura se dovessero continuare i sintomi della colite ulcerosa, con un farmaco a basso dosaggio di cortisone, ma anche lui è un pò restio su questa decisione.

Adesso non ci resta che aspettare,

grazie