Utente
Gentili Medici
ho sempre un pò sofferto (ma in modo assolutamente sopportabile) di un pò di colitella (anche l'ansia a volte me la sento giù nell'intestino), vado di corpo facilmente, certi alimenti se oltremisura (latte, caffè) mi danno evacuazioni "morbide", ma una situazione come da 2 giorni, non l'ho mai avuta. In poche parole, oltre che aria, gas, mi sento come avessi crampi intestinali, sono sopportabili ma sono in ansia per la novità; ad esempio a volte pure camminando quando batto i lpiede o da seduto poi alzato, sento dolenzia, e poi dando un colpo di tosse, lo sento subito nel basso ventre. Avendo letto che questo sintomo è in relazione con l'ernia, ieri mi sono precipitato dal mio medico che mi ha visitato; lui ha additato la questione le cause alle solite questioni tipo colon irritabile, etc, mi ha detto che ernia non c'è però mi ha pure detto che a sx in basso di fianco al testicolo (penso inguine) si sente come una "punta"; gli ho chiesto se è da operare lui "no no ma non si preoccupi", mi ha dato da prendere 2 al dì di DOBRETIN. Sapendo che lui vola sempre basso, minimizza ed è parco sugli esami da fare, come mi dice che ho qualcosa, un pò mi allarmo, mi ha detto che non devo fare alcun esame, nulla. Ma non potrebbe peggiorare?? vi chiederei tra l'altro se questi disturbi che ho riferito, sono davvero adducibili ai problemi intestinali o se non siano legati a quella "punta" di ernia. la mia preoccupazione, ripeto, è perchè non mi era mai capitato disagio di questo tipo, e ora mi chiedo se sarà passeggero o se dovrò convivere cronicamente con questo disturbo.
Grazie per l'attenzione esaluti cordiali

[#1]  
Dr. Giuseppe Corbucci Vitolo

24% attività
8% attualità
12% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2014
Buongiorno,
ho letto la sua richiesta di consigli.
Io come ogni chirurgo (anzi come ogni Medico) per valutare una sintomatologia come da lei descritta dovrei visitare il paziente.
Sono anni che combatto con chi usa il termine "punta d'ernia": una persona ha o non ha l'ernia. Quello che spesso viene definita punta d'ernia è un impulso e/o una lassità della parete addominale.
Da quello che evinco Lei non vede una tumefazione in sede inguinale e non capisco come è stata fatta diagnosi di colite?
Ha mai fatto una colonscopia?, un esame colturale delle feci? Una visita gastroenterologica?
Se vuole essere sicuro di non avere un'ernia basta fare una ecografia della parete (anche se ritengo sempre che ancora nel 2015 per fare diagnosi di ernia bastano mani esperte).
Spero che, con queste poche righe, Le sia stato d'aiuto. Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Corbucci Vitolo

[#2] dopo  
Utente
Salve dottor Vitolo
grazie per la risposta. No, in sincerità quegli esami che Lei ha citato non li ho mai fatti, l'unico esame che ho fatto "sull'argomento" è quello delle feci sangue biennale, mi hanno chiamato loro la USL abbastanza recentemente, risultato negativo.Il mio medico è decisamente del parere che per fare esami ci vogliono segni clinici evidenti e che fare esami senza una indicazione clinica può essere controproducente, una volta me l'ha spiegata più o meno così, e dopo 25 anni devo dedurre che lui è piuttosto parco nel far svolgere visite ed esami specialistici.Ma sono stato da lui dopo aver letto la Sua, e gli ho chiesto "Dottore ma io l'ho o non l'ho l'ernia? (visto che come Lei ha scritto, o c'è o non c'è), e lui mi ha detto "ma no che non l'ha". Se avevo inteso ma perdoni il pressapochismo, quando mi visitò mi disse che quello che sentiva che era sul lato sx tra coscia e testicolo e a destra no, sarebbe dovuto a un qualcosa che nello sviluppo "non si è chiuso completamente"? o un qualcosa legato alla sviluppo, insomma. Probabilmente come dice Lei, può essere "un impulso e/o una lassità della parete addominale". Potrei pure provare a chiedere al mio medico se mi fa effettuare una ecografia della parete addominale, ma temo già la sua risposta.
Vero, io non vedo una tumefazione in sede inguinale, devo però diure, e questo non è solo fatto recente ma anche in passato lo notai, che specie dopo sforzi o anche occasionalmente, sul lato sx intorno alla zona che viene chiamata inguine, sento, come dire, non la chiamerò "punta", ma un senso di dolenzia, certo sopoprtabile, ma che quando emerge è sul lato sx e non dx. Spero non sia cosa grave! E penso che quella dolenzia sia dovuta a quello che il mio medico palpando ha avvertito sul lato sinistro, anche se mi ha detto che nulla in merito devo fare...
Al riguardo della colite, non mi ero espresso bene ovvero non è che io abbia proprio la colite, ma una certa irritabilità specie a fronte di certi alimenti, tipo se esagero nei caffè o co llatte, tendo ad andare di corpo facilmente e"lento" . E sin da bambino ricordo che nella "pancia", nell'intestino, somatizzavo, percepivo malessere (e detta in parole fin troppo evidenti, tendo appunto ad andare lento, più che con feci indurite, forse è legato ad una certa irritabilità dell'intestino..
Saluti cordiali