Utente
Gentili medici,
sono un ragazzo di 27 anni, sono atletico e seguo un alimentazione sana.
Nel corso degli ultimi mesi ho effettuato una serie di analsi, poichè l'anno scorso, dagli esiti di analsi del sangue, sono emersi dei valori delle transaminasi superiori alla norma. Dopo aver escluso epatiti, risultati infatti gli esiti negativi, e dopo aver effettuato un ecografia addominale in cui non si constatava nessuna anomalia, nessun medico mi aveva dato risposte soddisfacenti sul perchè questi valori erano alti. Durante questo arco di tempo monitoro le transaminasi, tramite analisi del sangue, e la situazione non cambia: i valori Alt e Ast sono sempre più alti rispetto alla norma. In particolare Alt oscilla tra 68 e 91 con valore max di riferimento di 57 e Ast oscilla tra 33 e 37 con valore max 30.
Alla fine il medico a cui mi rivolgo, ovvero un epatologo, dopo alcune perplessità mi dice di prendere un integratore chiamato Realsil. Seguo l'indicazione e prendo l'integratore per due mesi, ed effettuo le analisi, e finalmente i valori sono nella norma.
I miei dubbi, che nessuno mi ha chiarito, sono questi:
- come sono derivati questi valori cosi alti, in funzione quindi dell'effetto dell'integratore? Quali possono essere le cause?
- cosa devo fare adesso? Devo continuare con questo integratore, facendo dei cicli di un paio di mesi all'anno?
Vi ringrazio anticipamente,
Un cordiale saluto

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
i valori che riporta di transaminasi, esclusa la presenza di epatopatie croniche che sicuramente saranno state considerate dal suo epatologo, non sono tali da suscitare un "allarme clinico"
E' frequente verificare un movimento delle transaminasi, che può essere riferito ad una pletora di cause, che poi rientrano dopo un certo periodo di tempo.
Il Realsil è un integratore di Cardo Mariano il cui principio attivo, la Silimarina, è stato uno dei cavalli di battaglia di alcune aziende farmaceutiche tutte italiane che non hanno mai presentati studi degni di questo nome malgrado tra gli autori ci fosse il più illustre epatologo italiano degli anni 80.
Il Realsil può abbassare in alcuni casi le transaminasi, specie se aumentate per motivi effimeri, ma cura appunto le transaminasi e non il fegato: la differenza è sottile e più adatta ad un farmacologo ma mi permetta di fargliela notare.
Ad ogni modo se Ella vedendo le transaminasi nel range di normalità si sentisse più tranquillo, assuma pure l'integratore: a cicli o continuativamente lo deve chiedere al suo Epatologo.
Saluti cari.
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola