Linfonodo o cisti

Salve,
4 giorni fa mi sono accorta di avere un nodulino sul collo, più precisamente subito sotto l'attaccatura dei capelli (lato dx).

Spaventata, perché non ho altri sintomi e convinta fosse un linfonodo, sabato mi sono recata dalla guardia medica che dopo palpazione ha ipotizzato una cisti, visto che questo nodulo si presenta come una pallina completamente mobile e molla.

Ha aggiunto che ho la parte destra del collo molto tesa e tirata.

Questo può essere collegato alla cisti?

Inoltre, non ha notato altri linfonodi ingrossati (zona del collo e clavicola).

Da ieri sera ho male alla cervicale.

In questo periodo non sono stata bene, ho avuto gastrite e due mesi fa l'influenza (non covid).


Posso tornare a essere tranquilla o questa situazione merita un approfondimento?

Ho paura di nascondere patologie ben più gravi.



Ringrazio per l'attenzione.
[#1]
Dr. Piergiorgio Biondani Psichiatra, Medico di medicina generale, Perfezionato in medicine non convenzionali, Sessuologo, Psicoterapeuta 1,4k 39
Gentile ragazza,
a distanza è impossibile dare una valutazione ulteriore rispetto a quanto ipotizzato dal medico che l'ha visitata.
Nel caso avesse qualche dubbio potrebbe effettuare se il suo medico di fiducia fosse d'accordo, un'ecografia della neoformazione per poter chiarire così il problema.
Le consiglierei di esporre a lui il problema.
Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani.

Dr. piergiorgio biondani

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la risposta.
Purtroppo il mio medico curante è assente per lutto, quindi non posso andare a farmi visitare in questi giorni. Mercoledì farò una visita ginecologica, ora mi chiedo: posso esporre questo problema al mio ginecologo? Potrebbe essere una domanda stupida, ma non so veramente a chi rivolgermi.

Sono un soggetto abbastanza ansioso, e sto pensando al peggio. Questa neo formazione si trova dietro il collo, poco sotto la nuca. Al tatto è grande più o meno come un chicco di riso e scivola tra le dita quando la tocco (ovviamente, quasi tutto il tempo...). Non avendo mai avuto linfonodi ingrossati, non so se queste dimensioni possano preoccupare. In più, la sede di questa neoformazione è preoccupante?

La ringrazio ancora.
[#3]
Dr. Piergiorgio Biondani Psichiatra, Medico di medicina generale, Perfezionato in medicine non convenzionali, Sessuologo, Psicoterapeuta 1,4k 39
Gentile ragazza,
penso che anche il ginecologo cui si rivolgerà possa darle un suo parere, essendo prima di tutto un medico, naturalmente dipenderà dalla cortesia e dalla disposizione personale del professionista.
A quanto pare le dimensioni sono minime e si tratta di una neoformazione mobile, tutti aspetti che rendono il problema che lei espone piuttosto rassicurante.
Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani.

Dr. piergiorgio biondani

[#4]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore,
ho effettuato un'ecografia visto che non potevo andare dal mio medico. Riporto il referto:
ECOGRAFIA CAPO E COLLO
Tiroide in sede, di regolare morfologia, dimensioni e struttura. Non lesioni focali bilateralmente.
Regolari le salivari dei due lati, in assenza di lesioni focali sia cistiche solide. Lungo le catene laterocervicali, numerosi piccoli linfonodi tutti con caretteristiche reattive e diametro piccolo che non supera i 5,3 mm.
Alcuni piccoli sempre con caratteristiche reattive, sono apprezzabili dai due lati posteriormente allo sternocleidomastoideo.
Il reperto palpatorio in sede nucale motivo dell'accesso della paziente, da correlarsi a linfonodo reattivo con diametro piccolo di 3 mm.
Analogo reperto è apprezzabile anche controlateralmente.

Conclusioni: linfoadenite reattiva bilaterale non meritevole di controlli o approfondimenti clinico-laboratoristici.

Posso stare tranquilla? Dovrei fare altre analisi?
Ringrazio per l'attenzione.
[#5]
Dr. Piergiorgio Biondani Psichiatra, Medico di medicina generale, Perfezionato in medicine non convenzionali, Sessuologo, Psicoterapeuta 1,4k 39
Gentile ragazza,
l'esito dell'ecografia appare del tutto tranquillizzante.
Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani

Dr. piergiorgio biondani

[#6]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la celere risposta. E' il caso di indagare varie infiammazioni/infezioni, o i linfonodi di questa dimensione non meritano ulteriori analisi? (Come detto dal radiologo, ma non posso appunto parlare con il mio medico curante).
[#7]
Dr. Piergiorgio Biondani Psichiatra, Medico di medicina generale, Perfezionato in medicine non convenzionali, Sessuologo, Psicoterapeuta 1,4k 39
Gentile ragazza,
trattandosi di linfonodi reattivi, come specificato dal radiologo che ha effettuato l'ecografia, potrebbero essere correlati a situazioni di tipo infiammatorio/infettivo, che,magari, con calma e, soprattutto, con la guida del suo medico di fiducia, che ben conosce la sua storia clinica, potrebbe anche indagare, per massimo scrupolo.
Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani.

Dr. piergiorgio biondani

[#8]
dopo
Utente
Utente
Posso quindi escludere patologie più gravi?
[#9]
Dr. Piergiorgio Biondani Psichiatra, Medico di medicina generale, Perfezionato in medicine non convenzionali, Sessuologo, Psicoterapeuta 1,4k 39
Gentile ragazza,
l'esito dell'ecografia esclude che i linfonodi esaminati siano correlati con la presenza di patologie tumorali o mieloproliferative.
Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani.

Dr. piergiorgio biondani

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa