Utente 142XXX
Egr. Dott. sono stata operata di coleciste (non aveva calcoli nel gennaio 2009) perchè avevo attacchi di pancreatite.Tutti i medici consultati (sono stata anche a Verona per la risonanaza con secretina)dicevano che sicuramente era la colecisti.Non è stato così perchè a tottobre 2009 ho avuto un'altro attacco di pancreatite chiaramente con ricovero. Ho anche un'altro grosso problema di diarrea. Ormai ho paura di mangiare perchè dopo circa 30 minuti ho due,tre scariche e visto che lavoro non vado più a mensa anche perchè non sempre riesco ad arrivare in bagno per tempo. Ho avuto episodi che mi sono sporcata gli indumenti(si immagini in ufficio davanti a tante altre persone). La colonscopia fatta nel 2009 oltre che mi hanno tolto un polipetto, non c'è niente di particolare. Ho fatto gli esami per la celiachia AB ANTIENDOMISIO (assenti (-)), IgA ANTITRANSGLUTAMINASI(0,70 U/ml),IgG ANTITRANSGLUTAMINASI(5,60 M/ml),IgG ANTI-GLIADINA (0,7 U.R./ml), IgA ANTI-GLIADINA (1,90 U.R./ml). Ho eseguito una COLANGIO dopo l'ultimo attacco di pancreatite. Questo è il risultato: Regolare calibro e decorso delle vie biliari intra ed extra epatiche.Esiti di colecistectomia. Residuo del dotto cistico lungo, di aspetto serpiginoso. Wirsung di calibro regolare. Coledoco ectasico, con tratto terminale imbutiforme.Non si apprezzano immagini riferibili a calcoli endolume. Le preciso che prima di operarmi la colecisti il fenomeno diarrea era già presente ma in forma minore, dopo la colecisti sono peggiorata. Come medicinale prendo solo il CONTABILIN. Non so più a chi rivolgermi, sono stata da tanti gastroenterologi, ad oggi non abbiamo risolto niente anzi mi sento sempre peggio. A novembre 2009 mi sono operata anche di tiroide totale perchè dovevo farlo.. Una amica mi diceva se per caso non ho il morbo di croon (non so come si scrive. Che esami dovrei fare per controllare? La ringrazio anticipatamente, cordiali saluti

[#1] dopo  
Prof. Marco Catani

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
gentile utente,

sempre con i limiti di una valutazione a distanza, direi di escludere il morbo di crohn, malattia infiammatoria cronica intestinale.

mi concentrerei (in realtà non dovrebbe essere lei bensì i suoi medici curanti) viceversa slla patologia che le provoca i frequenti processi pancreatitici.

il fatto che la sa via biliare sia ristretta potrebbe essere l'effetto dei precedenti episodi ma anche anche la possibile causa.

non quanto potrebbe essere utile utilizzare n mezzo piuttosto invasivo come un esame endoscopico mirato proprio alle strutture che risultano "alterate"

l'esame si chiama colangio pancreatografia retrograda endospopica (cpre).

chieda ai suoi medici e mi faccia sapere

cordiali saluti
Marco Catani
http://www.marcocatani.it
Il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale