Utente 740XXX
Una mattina di due mesi fa, dopo aver vomitato di notte, mi sono svegliata con un mal di testa localizzato a sinistra sopra l'occhio che non se n'è più andato.
Mi è capitato di soffrire di emicrania ma questo è un fastidio diverso, simile alla sensazione di dover starnutire, un bruciore talmente forte che spesso mi sempra che mi debba scoppiare la testa da un momento all'altro. Essendo molto allarmata dopo un mese mi sono recata dal mio oculista perchè in concomitanza con questo fastidio alla testa anche l'occhio sinistro era sempre rosso e mi faceva male come se fosse gonfio.
Il mio oculista mi ha detto che avevo un'infezione sotto la palpebra ma che in nessun modo poteva provocarmi quel dolore alla testa, dicendomi come al solito di non stare troppo davanti al computer e rilassarmi. Il dolore è proseguito e io mi sono recata al ProntoSoccorso dove ho visto sia un oculista, che un otorino, che un neurologo. Il referto finale mi consigliava di andare dal dentista e l'oculista ha escluso che ci fosse qualsiasi infezione all'occhio (dal mio ci ero andata tre giorni prima).
Molto abbattuta e sfiduciata rispetto a dei consigli vaghi e nel caso dell'oculista contraddittori mi sono recata dal dentista, che come prevedevo mi ha trovato con una bocca molto complicata e che sicuramente a suo dire mi provoca questo mal di testa e sono in attesa di avere sviluppi.
Il problema è che ho attacchi sempre più forti e ormai sono passati due mesi da quando questa lama mi sta nella testa.
Se sto distesa per ore si allevia, di notte dormo bene, e la mattina appena mi sveglio appena riapro gli occhi riappare. Proprio perchè non sono una persona stressata nè depressa cerco di convivere ma sia il dolore che la preoccupazione aumentano di ora in ora. Spesso ho la sensazione che il bruciore scenda fino al naso, che mi sembra sempre di dover soffiare e che mi brucia molto.
Quando il dolore è insopportabile prendo un OKI ma non posso prenderlo per tutta la vita e non ha grandi effetti comunque. Posso capire cos'ho? E soprattutto posso non sentirmi dire che mi devo rilassare? Ho un lavoro meraviglioso che mi gestisco io e nessun problema se non un dolore alla testa che mi attanaglia da sessanta giorni ininterrottamente. Vi prego di aiutarmi a capire come muovermi. Sono disposta a pagare qualsiasi cifra ma non so di chi fidarmi. Da ogni medico mi sento dire una cosa, ho la sensazione che si sentano in dovere di dire ognuno la sua. Non vorrei finire con apparecchio e mal di testa irrisolto, o che mi venga un coccolone per strada...

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
che ogni specialista, per deformazione professionale, tenda a diagnosticare una propria patologia di competenza, in effetti è vero, ma poi , conoscendo appunto tale tendenza, si cerca di essere il più possibile obiettivi.
Ora, i Suoi sintomi, pur nei limiti della consulenza on-line,potrebbero dipendere (e non per mia deformazione professionale) da una distorsione muscoloscheletrica della colonna cervicale.
Poi bisognerebbe capire bene quella sensazione di bruciore al naso, non di facile interpretazione.
Se crede, può telefonarmi, è darmi così più facilmente altre eventuali informazioni.

Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente 740XXX

gentile dottore,
non l'ho più contattata perchè sono rientrata a Padova per fare gli accertamenti del caso.
Anche la risonanza magnetica senza contrasto ha dato esiti negativi, domani mattina ho una visita dal neurologo.

Il "bruciore" alla testa persiste, in certi momenti scompare per qualche ora e poi torna.
Le comunicherò la diagnosi nel mio neurologo. Sono giovane e non penso di volermi rassagnare al fatto di avere un mal di testa cronico.
So che le cause possono essere molteplici e senza andare certo a dilapidare il mio stipendio, vorrò fare altri accertamenti.
Mi chiedo secondo lei, quali possano essere dei passi successivi (oltre ad una vacanza, in arrivo per altro).
Noto che il mal di testa spesso aumenta dopo i pasti, crede sia il caso di fare degli accertamenti sulle intolleranze alimentari?
La ringrazio molto per l'attenzione e le auguro buone vacanze.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Non lo so, forse si. Ma le diagnosi a distanza sono impossibili.
Per il momento cerchi di andare tranquilla in vacanza, quindi ricambio gli auguri.
Ci riaggiorniamo
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano