Utente 386XXX
Gentilissimi medici, sono un ragazzo di 20 anni.
Lunedì sera causa mix di vari cibi (gelato, rosticceria, pizza, granita) e la temperatura bassina, ho accusato importanti dolori in tutto lo stomaco e una lunga diarrea ( 7-8 scariche, nelle ultime defecavo quasi solamente acqua) e una forte nausea ma non sono riuscito a vomitare. Ho preso, in accordo con il medico via telefono, un antibiotico intestinale ( a base di Neomicina e Bacitracina) fino a mercoledì sera due volte al giorno, e al bisogno antispastico (otilonio bromuro + diazepam, perchè in casa avevo solo quello. Preso solo due volte, fino a mercoledì mattina). Da Martedì mattina a Venerdì mattina non sono riuscito ad andare in bagno, causa stitichezza, e decido di assumere innanzitutto più acqua e un integratore di fibre. Venerdì pomeriggio vado in bagno a tratti (defeco poco per un totale di tre volte, le feci erano sul marroncino a volte chiaro a volte più scuro, filiformi e piccole), e poi ci riesco quasi completamente nonostante dalla settimana prima mi erano uscite delle emorroidi esterne doloranti non sanguinanti (che sto curando con un unguento esterno). I dolori e il meteorismo continuano tanto da svegliarmi a volte la notte: tuttavia ieri sembravano terminati, e ho deciso di passare dalla guardia medica (anche perchè lo stesso giorno ho notato bruciore sul glande durante il flusso urinario iniziale dopo eiaculazione e un aumento del bisogno di andare a a urinare con flusso che mi sembrava regolare, ora il bruciore sembra passato e dunque è durato solo qualche oretta) che mi esamina la pancia e nota che la parte destra è vuota e la sinistra si deve ancora svuotare a causa della stitichezza. Tornato a casa la notte, ho dolori importanti, da colica gastrica, nella parte sinistra, non prendo nulla (avrei potuto prendere l'antispastico o mi avrebbe nuovamente causato stitichezza?) e defeco. Oggi mi sento molto debilitato ( a volte anche sento brividi, ma non ho febbre), con continui borbottii nello stomaco, eruttazioni frequenti e gonfiore, il tutto sopratutto dopo mangiato. Praticamente è da Martedì che mangio in maniera sana, bevendo regolarmente, evitando cibi fritti e bevande gassate ( ho mangiato dopo la diarrea riso, e poi sempre pasta olio e parmigiano e a cena carne arrostita o pesce a forno), e inoltre ho smesso da oggi le fibre. Voi cosa ne pensate? Io soffro di Sindrome del Colon Irritabile, ma per così tanto tempo non ricordo di averne avuti. I dolori sono sopratutto, ma non solo, al risveglio e durante la notte (anche disteso su un fianco). Dovrò andare dal medico di base. Ma cosa potrebbe darmi, a parte un antimeteorico ( anche naturale)? Conviene continuare con l'antibiotico, sospeso Mercoledì sera o un procinetico?

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
dalla sua descrizione sembra che lei abbia avuto una banale diarrea da errori alimentari in presenza di una sindrome da colon irritabile, che riferisce.
L'unico consiglio che le si può dare via web è di ripristinare la flora batterica con un probiotico.
Per una diagnosi non campata in aria, lei va visitato correttamente e soprattutto la sua sindrome del colon irritabile va confermata secondo criteri diagnostici ben codificati, che senz'altro il suo Curante conosce.
Per cui vi si affidi con fiducia.
Saluti cordiali,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 386XXX

Dott. Caldarola, la ringrazio. Sono stato oggi dal curante che mi ha visitato e ha detto che non ho gas ma che la parte sinistra è molto dura e dice che o è piena di feci (causa stitichezza, non defeco da ieri mattina) o infiammata. Mi ha consigliato probiotici e di continuare con le fibre. Ha confermato la diagnosi in colica con Sindrome colon irritabile.
Sto cercando di mangiare sano e in maniera equilibrata: mi consiglia di alternare alla pasta, olio e parmigiano il riso o vista la stitichezza odierna meglio non prendere riso?

Grazie.

[#3] dopo  
Utente 386XXX

Inoltre vorrei chiedere se effettivamente il probiotico può essere di aiuto, e se il colon è infiammato antinfiammatori da banco non andrebbero bene o no?

[#4] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
I probiotici sono realmente utili, vi sono dimostrazioni scientifiche.
Un giorno di mancata evacuazione non le fa riempire l'intestino di feci.
Con le fibre deve introdurre almeno 2 litri di acqua giornalieri e la dieta deve essere sana ma non da ospedale.
In quanto agli antinfiammatori da banco stia a sentire: lasci stare.
Saluti cordiali ,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#5] dopo  
Utente 386XXX

La ringrazio. Gentilissimo. Un'ultima domanda: da Domenica mattina non vado di corpo, o meglio ci vado ogni giorno ma defeco molto poco, è tutto sommato ''normale'' ?

[#6] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
Direi proprio che rientra nella sua sindrome del colon irritabile.
Si tranquillizzi.
Cordiali saluti,
Caldarola
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.