Utente 223XXX
Buongiorno,
Ho 40 anni e da circa 2 anni e mezzo ho dolori articolari in diverse parti del corpo e contemporaneamente anche problemi di memoria e concertazione.
Premetto che mi sono allenato in palestra per quasi 20 anni e ho sempre goduto di ottima salute a parte il morbo di crohn che ho da 14 anni che ormai non è più in fase attiva da oltre 8 anni (prendo Humira farmaco biologico che riduce il 100% per cento dei sintomi)
Tutto questo ha avuto inizio da quando ho cambiato lavoro (ero titolare di un azienda di informatica ora sono dipendente e quindi lo stile di vita è più sedentario).
I dolori articolari non si sono verificati contemporaneamente ma nel corso degli anni.
Il primo è stato il mal di schiena che mi ha costretto a smettere di allenarmi in palestra.
Da quando ho smesso di allenarmi il mio stato di salute è peggiorato tanto da creare un circolo vizioso che ha scatenato diversi problemi:

- Mal di schiena
- tendinite ai polsi
- dolore alla cervicale
- iperpressione rotulea
- epicondilite
- dolore al malleolo
- altri di lieve entità

Al giorno d’ oggi nonostante diverse migliaia di euro di fisioterapia NESSUNO di questi problemi è stato risolto completamente.
In passato (e parlo di non oltre 4-5 anni fa) mi è capitato di avere qualche infortuno come tutti del resto, ma ogni cosa si è sempre risolta spontaneamente nel giro di qualche settimana ora invece qualunque problema sembra non guarire mai anche a distanza di anni e certo tutto questo non è normale neanche per una persona anziana figuriamoci per una persona come me che ha sempre goduto di ottima salute.
Già un anno fa ho sospettato che ci sia qualcosa che abbia scatenato o incentivato tutto questo dato che non credo che tutti questi problemi siano assestanti.
Il primo sospetto è stato un eventuale problema di tipo reumatico associato al morbo di crohn (artrite reumatoide o spondiloartrite) visto che ho anche una lieve psoriasi.
Ho effettuato le analisi del sangue necessarie che sono uscite negative ed il reumatologo ha escluso la possibilità che si tratti di un problema di tipo reumatico.
La MOC è negativa.
Circa un anno fa ho scoperto di essere carente di Vitamina D (30-100 avevo 19). Ora da un anno prendo Dbase 25.000 ed il valore medio è 33-34.
Sempre un anno fa ho scoperto di avere gli ormoni tiroidei alterati:
TSH 6,5 (0,27 - 4,2)
Ora il valore del TSH è 4.7 senza prendere alcuna integrazione, il valore è sceso da solo.
Facendo dei test neurologici è venuta fuori una lieve demenza.
E’ peggiorata anche la congiuntivite agli occhi, ora sono costretto a prendere continuamente acido ialuronico.
Tutti questi problemi ovviamente mi hanno causato anche una lieve depressione e mi hanno costretto a pendere dei farmaci che per fortuna ora non prendo più.
A questo punto mi domando che tipo di altri accertamenti (analisi del sangue, test di intolleranza, ecc..) potrei fare per cercare di capire quali potrebbero essere i fattori che hanno contributo in parte a tutto questo.

[#1] dopo  
Prof. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Una condizione dolorosa cronica in concomitanza con la presenza di una malattia infiammatoria intestinale e/o di psoriasi cutanea deve essere attentamente valutata al fine di escludere una spondiloentesoartrite anche sei subclinica. A questo proposito la sintomatologia entesitica che riporta è molto sospetta. L'unico modo per escludere del tutto una tale evenienza è quella di procedere con esamii diagnostici di secondo livello quali RMN dei distretti interessati e scintigrafia osteoarticolare total body, trifasica sulle articolazioni sacro iliache. Cordiali saluti.
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 223XXX

Spett. Dott. Mauro,

La ringrazio per la risposta.

La risonanza magnetica è stata eseguita praticamente in quasi

tutto il corpo ed anche la radiografia.

Sono emersi vari problemi ernia del disco e disco nero, (gia presente da molto prima del dolore), iperpressione rotulea.

Lieve artrosi lombale (mi dicono che è normale alla mia età e non c'e entra niente con il dolore)

Lievissima protusione cervicale (dicono che è troppo piccola per causare dolore)

La visita dal reumotologo è durata un ora ed è stata molto accurata ed è stato discusso proprio di eventuale associazione del morbo di crohn.

Dovrei fare anche una scintigrafia ?

Potrebbe essere un problema causato dall' alimentazione intolleranza o altro ?

[#3] dopo  
Utente 223XXX

Spett. Dott. Mauro,

Le chiedo di nuovo scusa.

Nel frattempo ho consultato altri medici e sostengono quello che ha detto lei: possibile 'spondiloentesoartrite '.

In seconda ipotesi hanno anche ipotizzato un eventuale effetto collaterale di humira (che prendo da 8 anni).

Informandomi meglio pare che la spondiloentesoartrite non è facile da diagnosticare e le analisi di laboratorio o di altro tipo non sono attendibili in quanto non danno certezza sulla diagnosi. Pare che la diagnosi si basi su 'punteggi' in relazione a sintomi e nel mio caso questi sintomi li ho quasi tutti (ho consultato le relative tabelle con i sintomi).

Vorrei ritornare dal reumatologo e discutere dell' eventuale assunzione di 'methotrexate' in concomitanza di humira e vedere se i sintomi migliorano.

Vorrei evitare di sottopormi ad altre analisi (ho risonanze e radiografie di quasi tutto il corpo) che da quanto ho capito non danno alcuna certezza della diagnosi.

Ed inoltre vorrei evitare di cambiare terapia (l' humara funziona perfettamente con il mobo di chron) almeno fin quando non riscontro reali certezze riguardo la causa di questo problema che potrebbe dipendere da altro.

Ormai sono 2 anni che riscontro questi sintomi e vorrei vederci chiaro.

Grazie !

Marco

[#4] dopo  
Prof. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Purtroppo queste malattie spesso tendono a decorrere in modo subdolo e fastidioso. In questi casi solo la pazienza un buon rapporto di fiducia con il proprio curante possono portare nel tempo a risultati positivi e duraturi. Cordialità
Mauro Granata