Utente 186XXX
Egregio Dott.,cercherò di essere breve e coinciso.Sono un uomo di circa 70 anni.Ricoverato il 17 maggio 2015 per colica biliare(risolto spontaneamente)mi era stato proposto,dal momento che in precedenza,vi erano stati 2 episodi,con sospetta microlitiasi nel terzo medio del coledoco,eseguire ERCP ed eventuale sfinterotomia,"da me rifiutato".Ricoverato per la 2^volta risolto spontaneamente in medicina interna,mi era stato riscontrato nell'ecografia,della sabbia alla coleciste.Anche questa volta,dopo 10 giorni di ricovero,risolto spontaneamente.Proposto di farmi togliere la coleciste,anche questa volta ,ho rifiutato;dal momento che malgrado tutto è una coleciste sana.La mia domanda è: avendo avuto la prescrizione" a vita" del farmaco DEURSIL,1 cp. a pranzo 1 cp. a cena da 300 mg.;chiedo se non sia il caso di prenderne 1 cp. la sera per un periodo di tempo,poi,interrompere la terapia e continuare la sera a cicli alterne.Tengo a precisare che da tre mesi a questa parte,non ho avuto più problemi. Ritengo che la mia preoccupazione ,sia leggittima,ad avere timore ad assumere troppi farmaci,in quanto ne prendo altri per l'ipertensione arteriosa e per cardiopatia ischemica e dal quale si è reso necessario di n° 3 bypass -aorto coronarici nel 2012.Ho l'impressione che assumendo tutti questi farmaci,in futuro,possa portare problemi al fegato.Grazie in anticipo per la risposta che vorrà darmi.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Il Deursil, di cui è stata aggiornata la scheda tecnica non molto tempo fa, prima non annoverva alcun effetto collaterale se non una evacuazione di feci molli.
Il farmaco è in realtà ben tollerato e le consiglio di assumerlo nella maniera che le è stata proposta.
Una colecisti che fa calcoli o sabbia al suo interno non è mai una colecisti sana: ed io sono del parere che chi adotta la terapia conservativa prima o poi finisce di urgenza sotto i ferri.
Poichè si parla si microlitiasi coledocica, le consiglio di effettuare almeno una Colangio RM per assicurarsi che l'albero biliare sia libero da concrezioni, anche molto piccole, che potrebbero crearle seri problemi.
L'esame non è invasivo ed in sostanza è una RM.
I farmaci, per concludere, quando servono vanno assunti.
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 186XXX

Dott. Caldarola,la ringrazio per la cortesia che ha avuto nel rispondermi a proposito della terapia della coleciste. Sicuramente,terrò in considerazione la sua risposta. Tengo a precisare,le due volte che sono stato ricoverato;" ho fatto la colangio RM" senza che sia stato riscontrato nessuna alterazione degna di nota.Le auguro una buona giornata.