Utente
Salve dottori, scrivo per mia sorella che ha 19 anni e soffre da 4 anni di anoressia nervosa con vari alti e bassi.

È stata ricoverata il 2016 e dopo aver incrementato l'introito alimentare le AST e le ALT hanno iniziato a salire.

Erano alte anche durante ik ricovero ma dopo le dimissioni sono salite anxora di piu fino a un valore di 144 le AST e 478 le ALT.

Allorchè le fecero una serie di accertamenti tra cui ecografia ed un elastografia epatica ad ultrasuoni.

Quest'ultima è risultata nella norma mentre per quanto riguarda l'ecografia il referto era il seguente: Fegato con margini arrotondati, ecostruttura diffusamente iperecogena come da steatosi, non lesioni focali, colecisti distesa, non calcoli, porta pervia nei diametri normali.

Conclusione: alterazione transaminasi; ampio screening epatologico (compresa cupruria per riscontro di cerloplasmina 19) negativo, all'ecografia segni suggestivi per steatosi senza segni di ipertensione portale.

Dopo ricaduta nel disturbo e dopo ulteriore ricovero (con conseguente ripresa di un piano alimentare) le transaminasi sono di nuovo risalite fino a un valore per le ALT pari a 730.

Potrebbe la steatosi causare tutto ció?

Le faranno tutti gli accertamenti ma non sappiamo perchè le transaminasi aumentano in concomitanza alla rialimentazione.

Le ALT sono passate nel giro di 10 giorni infatti (nel periodo attuale) da 230 a 730.

Cosa potrebbe essere?

Aggiungo anche che due settimane fa ha sofferto di forte diarrea (forse per eccesso di movicol, assegnatole per stipsi e poi dopo la diarrea ridotto a una bustina al giorno) con scariche frequenti fino anche a 15 al giorno.
Nelle feci erano presenti chiari residui del cibo appena mangiato.
Durante il periodo di ricovero erano alte sia la amilasi pancreatica che la lipasi (mentre nelle ultime analisi solo la lipasi).
Grazie tante per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Ludovico Giorgio Tallarico

24% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente, tra le tante indagini sua sorella ha mai praticato le indagini per la Celiachia? Ci faccia sapere. Saluti
Dr. Ludovico Giorgio Tallarico