Utente 904XXX
Buonasera, sono stato coinvolto in un incidente, lato passeggero(dove ha urtato la macchina che ci è venuta dentro), sono subito intervenuti polizia e ambulanza, che mi hanno portato in barella in pronto soccorso.
diagnosi: distorsione rachide cervicale
prognosi: 15 sc
eseguito rx rachide cervicale in ps con esito: non si osservano lesioni ossee traumatiche radiograficamente apprezzabili.
Indirizzi terapeutici: collare per 10 giorni, fare RX colonna cervicale e se inalterazioni svolgere sedute di FKT decontratturante.

Mi sono recato dal medico curante, in quanto, dopo 8 giorni il dolore non è diminuito, lui mi ha visitato e mi ha prolungato di 10 giorni la prognosi.

Io non mi intendo di queste cose.. quindi chiedo a voi alcune delucidazioni:
1)più o meno quando passa la fase acuta del colpo di frusta? continuo ad avere male
2)il medico curante mi ha fatto una fattura che ho pagato, dovrò eseguire delle sedute fkt decontratturante, ho comprato dei farmaci... mi verrà risarcito tutto?
3)quando interviene il medico legale?
4)mi verranno dati dei punti di invalidità? se si quanto?

potranno essere domande stupide, però purtroppo non me ne intendo.
Ringrazio anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gent. Utente,
per quanto riguarda la fase acuta del trauma distrattivo-distorsivo del rachide cervicale la variabilità individuale è ampia per cui una prognosi effettiva della fase acuta è quanto mai incerta da porre, direi che se dopo 15 giorni non vi è una parziale regressione occorre un ulteriore approfondimento diagnostico e clinico, magari da uno specialista ortopedico.
Le spese che sostiene ed attinenti al trauma che ha patito sono interamente da risarcire.
Lo specialista in medicina legale deve intervenire o durante il decorso della malattia se vi sono situazioni non lineari (ad esempio comparsa di disturbi non diagnosticati in precedenza, situazioni cliniche con peggioramento invece che con miglioramento) oppure al termine del periodo di malattia.
Le verrà riconosciuto un danno biologico percentuale a seconda del grado e della tipologia dei disturbi da lei lamentati. Mi sembra troppo presto per porre dei limiti al suo risarcimento.
Buona serata
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni

[#2] dopo  
Utente 904XXX

La ringrazio! è stato esaustivo in tutte le domande