Utente 158XXX
Buongiorno, in data 7/5 ho subito un intervento di discectomia c/6-c/7 con artrodesi.
Premettto che sono ancora in convalescenza e non ho ancora effettuato altri accertamenti al di fuori di un rx per controllo artrodesi, dove è segnalata spondilosi e uncoartrosi.
Ho ancora dolore al collo alla scapola ed al braccio, mancanza di forza nelle ultime tre dita.
Ho anche un'ernia lombare l4-l5.
Sono preoccupata per l'attività lavorativa; la postazione al pc per tutto il giorno potrebbe essere un problema.
Mi hanno detto che potrei fare domanda di invalidità ma non ho capito cosa potrei ottenere.
Qualcuno può fare chiarezza?
Grazie anticipatamente.
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,

se si riferisce, come ha indicato nel quesito, all'invalidità INPS per i lavoratori assicurati con tale Ente Previdenziale, esiste una Legge (la 222/1984) che prevede per l'assicurato in possesso di una contribuzione minima (5 anni effettivi, con almeno 3 anni di contribuzione negli ultimi 5 anni) due condizioni:

- l'invalidità (art.1), nel caso in cui il lavoratore presenti una riduzione permanente della capacità lavorativa in occupazioni confacenti alle sue attitudini a meno di 1/3 del totale;
se il lavoratore è riconosciuto "invalido" per la presenza di tali requisiti, percepisce un "assegno di invalidità" e può continuare a lavorare.

-l'inabilità (art.2), nel caso in cui il lavoratore presenti la "assoluta e permanente inabilità lavorativa" a qualsiasi mansione;
se il lavoratore è riconosciuto "inabile" per tale condizione, percepisce una "pensione di inabilità", ma non può più svolgere alcuna attività lavorativa, anche minima.

Da quanto Lei riferisce non mi pare che possa rientrare sicuramente nella seconda condizione, ed in linea di massima nemmeno nella prima, anche se per tale valutazione è necessario che i postumi dell'intervento siano completamente stabilizzati, ed è indispensabile una visita diretta, che eventualmente potrà effettuare presso uno specialista di Sua fiducia.

Per ulteriori informazioni può consultare il seguente link:
https://www.medicitalia.it/minforma/medicina-legale-e-delle-assicurazioni/164-invalidita-inps.html

Distinti Saluti.



Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 158XXX

Buongiorno, grazie per la risposta.
Senz'altro non rientro nel secondo caso; magari neppure nel primo, aspetterò che le condizioni si stabilizzino per poter poi decidere il da farsi.
L'unico dubbio che mi viene è: se una persona con dei problemi di salute non riesce più a fare il lavoro che ha fatto per 25 anni, deve per forza fare la disoccupata?
Saluti

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

esiste sempre la possibilità di ricollocamento in mansioni diverse; tuttavia il rischio di licenziamento per permanente non idoneità alla mansione, visti i tempi che corrono nel settore privato, ma anche in quello pubblico, non è un'ipotesi remota, e va attentamente considerato prima di qualsiasi iniziativa.

Ancora Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]