Utente 452XXX
gentili dottori
volevo chiedere se il certificato medico per l'astensione anticipata per rischio di aborto può essere di 30 giorni o di 60 giorni. la mia ginecologa dice che si può fare di 30 giorni mentre il medico delle asl dice che si può fare un certificato di 60 giorni . a chi devo credere?

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

sinceramente non capisco dove stia il problema.

L'interdizione anticipata dal lavoro per gravidanza a rischio è disciplinata dal Decreto L.vo nr 151 del 26.3.2001 art. 17,
http://www.handylex.org/stato/d260301.shtml
che dispone al comma 2 "Il servizio ispettivo del Ministero del lavoro può disporre, sulla base di accertamento medico, avvalendosi dei competenti organi del Servizio sanitario nazionale, ai sensi degli articoli 2 e 7 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, l’interdizione dal lavoro delle lavoratrici in stato di gravidanza, fino al periodo di astensione di cui alla lettera a), comma 1, dell’articolo 16, per uno o più periodi, la cui durata sarà determinata dal servizio stesso.

Che vuol dire? la ginecologa fa il certificato, con la motivazione clinica, e propone la prognosi; se 30 o 60 giorni, nel suo caso, non ha importanza, perché il decreto parla di "uno o più periodi", ma non mette un limite di giorni.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 452XXX

gentile dottore
il problema è che la mia dottoressa voleva darmi un periodo di 60 giorni perchè ho un brutto distacco in corso e le asl mi hanno chiesto di recarmi da loro per accertarsi del mio stato fisico perchè non avevano personale da mandarmi allo scadere dei 30 giorni. forse con una prognosi di 60 giorni avrei avuto tempi "più lunghi" per recarmi da loro.....