Utente 158XXX
buona sera sono un prof. precario ho 34 anni

il 21/12/2009 ho subito l'orchifulectomia del testicolo sx, causa seminoma al primo stadio, dopo vari esami TAC, PET, RM i dottori decidono di fare solo follow-up senza né radio né chemio e lì inizia il calvario

l'ASL a gennaio 2010 mi giudica invalido civile al 75%

a giugno 2010 l'INPS blocca la pratica

a settembre 2010 mi arriva la legge 104 con lo stato di Handicap

a maggio 2011 per poco non mi è preso un infarto l'INPS mi riconosce invalido al 36%

sono un uomo e un professore FINITO

tra pochi giorni si aprono le graduatorie e non sono INVALIDO.

e' giusto il 36% per un malato di cancro in follow-up

sia io che mia mamma siamo malati di cancro e nel 2009 quando l'abbiamo scoperto ha pochi gg di distanza non ho avuto problemi di depressione, oggi forse l'inps mi sta condannando a morte.

Cosa dovrei fare?

ringrazio tutti i medici che mi risponderanno
e mi scuso per lo sfogo.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

le tabelle di valutazione per l'invalidità civile (D.M. Sanità 4 febbraio 1992) riportano:

Cod. 9322= NEOPLASIE A PROGNOSI FAVOREVOLE CON MODESTA COMPROMISSIONE FUNZIONALE= 11%
Cod. 6601= ANORCHIDIA= 20%

Sembra quindi che, sulla base di tali elementi, la valutazione INPS non possa essere contestata.

Distinti Saluti.

Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 158XXX

Farò ricorso mi sembra il minimo, lei cosa mi consiglia non voglio soldi mi basta il 46% che credevo di avere senza nessun problema visto che sono malato di cancro e che ogni 3 mesi sono sottoposto ad esami per il follow-up e se le cose dovessero andare male sarò costretto a fare dei cicli di chemioterapia.

la ringrazio e la saluto

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

l'unico consiglio che posso darLe è quello di appoggiarsi, per l'eventuale ricorso, ad un Ente di Patronato (che La possa supportare anche con la consulenza di un Medico Legale), ed inoltre di procurarsi tutta la documentazione clinica riguardante l'infermità da cui è affetto, compresa una relazione specialistica sul Suo stato attuale.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]