Utente 159XXX
Gentili dottori...
La depressione endoreattiva può costituire un elemento che rischia di far perdere il posto di lavoro ad una maestra di scuola dell'infanzia? Mia madre sembra esserne affetta ed in seguito a questa diagnosi teme possano esserci ripercussione lavorative essendo lei precaria.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

l'infermità "depressione endoreattiva" può manifestarsi con diversi spettri di gravità, che vanno da disturbi lievi e che poco influiscono sull'attività sociale e professionale, fino a sintomi importanti, nonostante la terapia, che possono determinare la sospensione di qualsiasi attività lavorativa.

Nel caso che riguarda Sua madre è innanzi tutto consigliabile una visita da parte di uno specialista Psichiatra di Vostra fiducia, che valuterà quali trattamenti siano necessari, e soprattutto se Sua madre possa proseguire l'attività lavorativa senza rischio di aggravare la Sue condizioni di salute.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 159XXX

gentilissimo dottore,
Mia madre sembra mostrare un disturbo lieve che credo potrebbe peggiorare se non potesse proseguire la sua attività lavorativa.
Dubitavamo solo del fatto che questa patologia potesse intergerire in maniera automatica con il suo lavoro che gli poteva essere impedito dalle istituzioni, eventualità che, con il senno di poi sembra non essersi rivelata.

La rigrazio!

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

tenga presente che il datore di lavoro non dovrebbe essere a conoscenza diretta dello stato di salute del dipendente.
Mi spiego: nelle certificazioni per giustificare l'assenza è sufficiente riportare il periodo di malattia, mentre la diagnosi non dovrebbe essere citata.
L'unica modalità con cui il datore di lavoro potrebbe utilizzare lo stato di salute del dipendente per far cessare il rapporto di lavoro è il giudizio di permanente non idoneità del collegio medico-legale dell'ASL, che tuttavia presuppone una convocazione formale a visita.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#4] dopo  
Utente 159XXX

La ringrazio dottore, è stato chiarissimo e gentilissimo!