Utente 223XXX
Salve,
sono un rsgszzo di 25 anni a cui è stata riscontrata un'emisacralizzazione destra di l5, con conseguente esclusione da concorso pubblico (finanaza).
Se le mando il profilo sanitario degli accertamenti psico-fisici della gdf potrebbe dirmi se ci sono gli estremi (in che percentuale) per fare ricorso al tar?

Fiducioso in una sua risposta, La ringrazio anticipatamente!

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

se questa modesta malformazione atomica non le produce disturbi funzionali, l'esclusione dal concorso pubblico è del tutto immotivata.
In tal caso, sarebbe una interpretazione assai restrittiva della esclusione concernente le malformazioni anatomiche; infatti, l'esclusione non dev'essere determinata dalla malformazione anatomica, ma dalla sua conseguenza limitativa funzionale.

Ecco cosa dice la legge:
http://www.medico-legale.it/Resources/Decreto17Maggio00nr155.pdf

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 223XXX

Gentile dottore,

Io in 25 anni non ho mai sofferto di alcun disturbo e ho scoperto questa emisacralizzazione alle visite gdf. Ho un indolenzimento della parte alta della schiena quando cammino o sto in piedi per parecchie ore, che va via con pochi minuti di riposo.Non credo che ciò rientri tra le conseguenze limitative funzionali.
Cosa mi consiglia di fare avendo già visionato il decreto legge?
ci sono gli estremi per presentare ricorso?

La ringrazio per la cortese attenzione

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
mi pare di essermi espresso nella mia risposta
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#4] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Come Le ha ampiamente spiegato il collega Corcelli, sussistono gli estremi per il ricorso e, al posto Suo, io non ci penserei due volte.
L'emisacralizzazione non comporta assolutamente alcun disturbo nè tantomeno deficit funzionali.
Nel respingere la Sua domanda è stata data una motivazione clinica del perchè questa "anomalia" sarebbe incompatibile con l'attività di una GdF?
Sarebbe opportuno che, nel proporre ricorso, allegasse una relazione specialistica e medico-legale
Auguri
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#5] dopo  
Utente 223XXX

Salve,

Io ho sostenuto una prima visita dove mi si riscontrava un'emisacralizzazione a seguito della quale ho chiesto la visita di revisione.
In quest'ultima sono stato visitato da un ortopedico, il quale mi ha detto che avevo
una buona flessione della schiena e che per lui andavo bene, ma che il parere finale
lo avrebbe deciso la commissione. Infine la commissione mi disse solo che non ero
idoneo al servizio gdf.In tutto ciò non sono stati eseguiti ulteriori esami!
Per loro l'emisacralizzazione comporta esclusione secondo quanto prevede la legge e non ci sono altre motivazioni da dare.
Penso che l'unica motivazione che stia alla base della legge e che potrei, un domani, chiedere indennità di servizio, malattia o altro.
Come va interpretata la legge in materia?
Perchè se l'emisacralizazione non è legata a malattie e/o patologie è tra i coefficienti che causano esclusione? A cosa può portare l'emisacralizzazione?

Vi ringrazio della cortese attenzione,

Cordiali saluti

[#6] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Come Le ha suggerito il collega Corcelli, deve leggere con attenzione il Decreto.
In particolare il punto 21 a) dell'Allegato, dove non mi sembra che si parli in modo specifico di emisacralizzazione.
E' chiaramente espresso il concetto che se una malformazione anatomica non produce danni funzionali,questa non è motivo di esclusione.
E Lei nel ricorso deve far riferimento a tale articolo.

Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano