Utente 245XXX
buongiorno, ho 37 anni, cercherò di essere chiaro e breve.
nel 1997 ho avuto una wpw ,con una frequenza altissima.. a distanza di 3 mesi dall'episodio ,ho subito un ablazione all'ospedale San Raffaele di Milano in aritmologia , ablazione riuscita perfettamente ...anche se dal primario mi fu detto che sarebbe potuta ripresentarsi! nel dicembre 2001 sono stato ricoverato in codice rosso per una emobolia polmonare massiva e trombosi venosa profonda ( sono felice di raccontarlo !! ), i dottori facendo varie analisi , hanno scoperto che la trombosi è dovuta a 2 mutazioni genetiche associate , fattore v leiden e mutazione della protrombina presenti in eterozigosi , ora sono in terapia anticoagulante a vita e ho un range terapeutico tra 2,5 e 3,5. Mi fu cnsigliato di presentare domanda per invalidità civile che mi fu riconosciuta in forma del 50% per le patologie presenti e pregresse nell'anno 2004.
Nel 2007 iniziando ad accusare dolore nel camminare , facendo esami , mi è stata riscontrata una coxoartrosi sx ,necrosi della testa del femore , dovuta ,a detta del primario che mi ha operato , ai coauguli che avevo nella zona illiaca che non hanno fatto arrivare sufficiente sangue all'osso.. operato (con tutti i rischi annessi di tromboflebiti) sono ora portatore di protesi anca sx, essendo io ignorante in materia e non sapendo di dover presentare un aggravamento per l'invalidità civile, chiedo a voi se posso presentare domanda di aggravamento o è considerata una nuova patologia ? il punteggio che riceverò andrà ad associarsi al 50% che ho già ,visto il documento certificato dal primario di ortopedia? ad oggi comunque la protesi mi sta dando seri problemi , ho uno scollamento del muscolo grantroncatere e cammino ancora con le stampelle , il primario che mi ha messo la protesi mi opererà per ricucire il muscolo , il 10 aprile 2012. poi ho intenzione di presentare l'aggravamento per l'invalidità civile .
ringrazio anticipatamente per le risposte e porgo cordiali saluti
Yuri

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

la menomazione dovuta alla patologia a carico dell'anca si aggiunge a quelle già valutate; nelle tabelle dell'invalidità civile la protesi d'anca è citata alla voce 7223 ("esiti di trattamento chirurgico con endoprotesi d'anca") e ha un punteggio che va dal 31% al 40%.

Tenga presente che anche l'obesità è citata alla voce 7105 ("Obesità - Indice di Massa Corporea compreso fra 35 e 40) con complicanze artrosiche") e ha un punteggio che va dal 31% al 40%.

Detto questo, sicuramente ha i requisiti per fare, fin da subito, una domanda di aggravamento.
Anche se non si fa la somma aritmetica delle varie menomazioni, penso che potrebbe raggiungere un punteggio superiore al 74%, i cui benefici sono: esenzione parziale dal ticket; assegno mensile ma con limiti di reddito.
A richiesta dell’invalido per qualsiasi causa, per ogni anno di lavoro svolto, il beneficio di 2 mesi di contribuzione figurativa fino ad un limite massimo di 5 anni di contribuzione.

Non è possibile stabilire, con un consulto online, quale potrebbe essere il punteggio effettivo che potrebbe raggiungere, in quanto sarebbe indispensabile una visita.

Ci farà piacere essere tenuti al corrente, se lo desidera, dell'esito della domanda di aggravamento.

Per maggiori info:

invalidità civile e L.104/92
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=12
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=5

Cordiali saluti
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 245XXX

Dr. Corcelli , la ringrazio per la professionalità e la celerità nel rispondere, grazie anche per avermi tolto dei dubbi in merito alla possibilità di richiesta di aggravamento.
Dopo l'operazione che dovrò affrontare il 10 aprile prossimo per dare stabilità alla protesi ,muscolo grantrocatere che sta facendo le bizze , procederò subito nella richiesta di aggravamento.
Avrei bisogno di un ultimissimo favore e approfitto della sua conoscenza per sapere come muovermi per la richiesta di aggravamento:
per la compilazione devo andare dal medico curante o in sedi più specifiche?
nella presentazione e alla visita ,mi consiglia di farmi seguire da un medico legale o posso procedere da solo?
se mi consiglia di essere seguito da un medico legale , posso rivolgermi a lei?

mi scuso per il disturbo e ringrazio ancora.

yuri

[#3] dopo  
Utente 245XXX

1 agosto visita medico legale , spero che sia come ha detto il dott. Corcelli, vi terrò aggiornati.
buona continuazione

[#4] dopo  
Utente 245XXX

buona sera, la visita per l'aggravamento svolta il 1 agosto 2012, mi ha lasciato un po' perplesso ,sia per come è avvenuta sia la durata , e anche la "strafottenza" di una dottoressa presente.
inizio col dire che la visita è durata non più di 5 minuti ,entro ,saluto tutti ,mi siedo e fornisco loro la documentazione richiesta in duplice copia.
Alchè una dott.ssa guardandomi in faccia con aria superflua.. mi dice ; che bel tatuaggio che ha sul braccio , con il coumadin lei fa i tatuaggi?? risposta : guardi ,questo tatuaggio avrà 20 anni ,fatto prima che scoprissero la mia patologia della coagulazione.
Alche la dott.ssa mi chiede : come mai sta facendo una richiesta di aggravamento? non le basta la percentuale del 50% che ha ampiamente ottenuto con la prima visita del 2004 ? io stavo per rispondere ,ma fortunatamente il presidente di commissione ha zittito la sig.ra ,dicendogli che sarebbe bastato leggere le mie carte per capire che l'abito non fa il monaco!!!!
dopodichè il presidente ha trattenuto delle copie che interessavano , ovvero quelle che si riferivano alla protesi all'anca e mi ha salutato dicendomi che il verbale arriverà a casa entro 3 mesi , non di non aspettarmi di avere un invalidità altissima.
Alchè ho risposto ; non la voglio ne alta ne bassa , chiedo solo il giusto riconoscimento legale , ciò che mi spetta di diritto.
ho salutato e sono uscito!
adesso sono stracurioso di sapere che percentuale di invalidità mi è stata riconosciuta, perchè qual'ora sia molto inferiore a ciò che menzionava il dott. Corcelli , o comunque inferiore al 74% , oltre al ricorso farò una denuncia a quella commissione medica , altamente strafottente!!
buona continuazione a tutti
a presto.

[#5] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
grazie per l'info e per ulteriori aggiornamenti

le ripeto solo che non è possibile stabilire, con un consulto online, senza una visita, quale potrebbe essere il punteggio effettivo che potrebbe raggiungere

nel caso che la Commissione le dia un punteggio sotto il 74%, le suggerisco di rivolgersi ad un Patronato, il quale l'assisterà gratuitamente, dopo avere fato valutare da un proprio medico-legale l'opportunità di un ricorso
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#6] dopo  
Utente 245XXX

Buongiorno a tutti .

Sono estremamente deluso da questa stupida burocrazia italiana ,da medici incompetenti, che non sanno fare il proprio lavoro.

e' arrivato il verbale definitivo dell'invalidità civile : 60% ... SONO SENZA PAROLE !!

AVEVO IL 50% PRIMA CHE METTESSI LA PROTESI ALL'ANCA - E CON LA PROTESI L'AUMENTO è STATO DEL 10% ....MA ALLORA SONO GUARITO ?? POSSO NON PRENDERE IL COUMADIN TUTTA LA VITA?? LE MIE MUTAZIONE GENETICHE SONO SCOMPARSE ?? LA WPW CHE HO FATTO NEL 97 ,HO LA CERTEZZA CHE NON SI RIPRESENTERà PIU' ? LA PROTESI ALL'ANCA CHE MI è STATA IMPIANTATA NEL 2007 NOM AVRà BISOGNO DI REVISIONI? DI CONSEGUENZA IL RISCHIO ALTO DI TROMBOFLEBITI NELL'INTERVENTO NON ESISTE ??

PIù CHE UN RICORSO MI VERREBBE VOGLIA DI FARGLI UNA DENUNCIA PERSONALE A NOME ...PARTENDO DALLA CRETINA DI TURNO CHE SI CHIAMA GIURLANDO VICENZA!!

PER QUESTI INCOMPETENTI PRIMORDIALI ...CHE HANNO VALUTATO LA MIA SITUAZIONE IN 5 MINUTI .. DOVRò PERDERE TEMPO ED ORE LAVORATIVE PER FARE UN RICORSO .

CHE SCHIFO ... SONO VERAMENTE DELUSO

[#7] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Mi spiace proprio; come le avevo anticipato
le suggerisco di rivolgersi ad un Patronato, il quale l'assisterà gratuitamente, dopo avere fato valutare da un proprio medico-legale l'opportunità di un ricorso
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#8] dopo  
Utente 245XXX

Dott. Corcelli ,grazie, sempre gentile , purtroppo non sono tutti come lei !!
Io penso ,da ignorante , che le mie patologie già valutate 50% non possano essere ridotte di percentuale e che chiaramente se cosi' deciso dalla commissione ,vorrei averne spiegazione chiara.
Se poi penso che la sola protesi all'anca ha un punteggio di minima del 31% su tabelle codificate !! mi viene da ridere ,ma nello stesso tempo resto deluso ,a pensare che mi sia stato riconosciuto un 10% per la protesi !!! Vorrei capire il criterio di giudizio... Vorrei capire cosa non è stato valutato ... vorrei poter essere a conoscenza di tutti i codici delle mie patoligie e capire quale possa essere la percentuale .
Ma questo è a discrezione di persone che a volte svolgono il loro lavoro impeccabilmente , mentre altre ,sarà per la voglia di andare celermente in vacanza e il fatto di osservare più un tatuaggio che la documentazione fornita , danno poi responsi medici inappropriati ...
Ripeto ,io non voglio percentuale alta ,perchè mi piace averla alta ...ma se mi speta di dirittto ,perchè non averla?
penso che il 74% sia il minimo che queste persone potevano dare .
Lunedi mi rivolgerò al patronato per capire come agire e cosa devo fare ...ma sono talmente demoralizzato che mi verrebbe voglia di mandare tutti a quel paese!!

buona continuazione a tutti .

[#9] dopo  
Utente 245XXX

buongiorno, purtroppo il patronato non potra valutare la mia richiesta per accertamento tecnico preventivo prima del 26\ 10\ 2012 . In attesa vorrei porvi altre delucidazioni riguardo ciò che ho trovato scritto nei nuovi verbali di invalidità arrivati via raccomandata.
Oltre alla percentuale del 60% che sicuramente spero sia da valutare in maniera onesta ed obbiettiva secondo criteri e tabelle mediche, in commissione mi era stato anche chiesto dal presidente se ero titolare di contrassegno disabili. Si , la mia risposta è stata si , perchè in possesso dal 2009 di un certificato di una commissione medica asl,che attesta il mio stato di deambulazione sensibilmente ridotta. Certificato prodotto quando mi avevano già messo la protesi all'anca da 2 anni, commissione mi aveva dato questo certificato con validità a tempo indeterminato , data da un consulto tra 3 dottori presenti in commissione ,che oltre a valutare l'inserimento della protesi avevano compreso anche quanto fosse pericoloso operare una persona come me ,dati i forti fattori presenti di coagulazione !!
Morale ,leggendo e rileggendo il nuovo verbale,oltre a non aver messo a verbale la wpw avuta nel 1997, mi ritrovo a leggere questa dicitura:
DATI ANAMNESTICI: già IC 50% dal 2003 ,
DIAGNOSI;esiti di tromboembolia polmonare in diatesi procoagulativa eredo-familiare; esiti di artroprotesi anca sinistra;discopatia lombosacrale, obesità; NON SUSSITONO I REQUISITI PER IL RILASCIO CONTRASSEGNO.
ai sensi dell'art. 4 dela legge 5 febbraio 1992 n. 104 la commissione medica riconosce l'interessato PORTATORE DI HANDICAP (COMMA 1 ART. 3)
la commissione medica segnala che l'interessato è portatore di ; RIDOTTE O IMPEDITE CAPACITA' MOTORIE / DEAMBULATORIE
revisione : NO

gentilmente qualcuno mi può spiegare cosa abbia valutato questa commissione medica?? , mi spiegate come se fossi un bambino di 5 anni ,cosa voglia significare la voce NON SUSSITONO I REQUISITI PER IL RILASCIO DEL CONTRASSEGNO!!!
sto cercando spiegazione perchè purtroppo non riesco a dormirci su!! il mio certificato redatto dall'asl nel 2009 ,di deambulazione sensibilmente ridotta a tempo indeterminato ,non ha alcun valore medico?
sono anche dubbioso che un patronato riesca a dare il giusto peso a questa situazione...me lo auguro di cuore.. premetto che sono contro tutti i finti invalidi e lodo le commissioni di revisione per smascherare queste vili persone ... ma perchè chi ha veramente problemi debba fare ricorsi per giudizi poco ortodossi??

ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti

[#10] dopo  
Utente 245XXX

e siccome non ci dormo su' ...perchè questa visita e questi "presunti medici" ... scrivono a verbale che :NON SUSSITONO I REQUISITI PER IL RILASCIO DEL CONTRASSEGNO, nonostante erano seduti e ho fatto 2 passi puliti per arrivare alla sedia ...ma se la sedia già fosse stata a 20 mt. sicuramente avrebbero notato un andamento poco corretto!!! poi continuano scrivendo :la commissione medica segnala che l'interessato è portatore di ;
RIDOTTE O IMPEDITE CAPACITA' MOTORIE / DEAMBULATORIE

da profano avendo in mano un certificato di DEAMBULAZIONE SENSIBILMENTE RIDOTTA a tempo indeterminato dal 2009 , sono andato a rileggere dai vari siti a chi spetta questo contrassegno :
Hanno diritto al rilascio del contrassegno:
•le persone con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta;
•le persone affette da cecità assoluta o con residuo visivo non superiore a un ventesimo;

dunque avendo io in mano il certificato dal 2009 a tempo indeterminato ...avendo questa commissine scritto sul verbale di aggravamento che non sussitono i requisiti per il rilascio e 2 righe sotto : attestano il mio stato di deambulazione scrivendo che ho ridotte o impedite capacità motorie /deambulazione , VORREI CAPIRCI QUALCOSA ?? OLTRE AL PUNTEGGIO CHE IO DA PROFANO RITENGO MOLTO BASSO, CON QUESTE 2 DICITURE NON SI SONO UN PO' TIRATI LA ZAPPA SUI PIEDI?? PERFAVORE QUALCUNO PUO' CERCARE DI RISPONDERE A QUESTO QUESITO??
grazie e buona continuazione

[#11] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
no capisco perchè insiste con queste domande
le ho già fato la mia opinione, ma è ovvio che solo con una visita medica si può dare una risposta precisa

le ripeto di rivolgersi ad un Patronato, il quale l'assisterà gratuitamente, dopo avere fatto valutare da un proprio medico-legale l'opportunità di un ricorso
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#12] dopo  
Utente 245XXX

buongiorno Dott. Corcelli, capisco il suo essere "seccato" per le mie continue domande e ringrazio per le sempre gentili risposte. Risposte che ritengo fondamentali nell'ambito medico legale.
Non conoscendo però i patronati e le nuove normative sui ricorsi ,lette solo in internet e che porteranno la mia causa ad un accertamento tecnico preventivo per poi finire in un tribunale ordinario, ho timore che la mia voce sia la sola nel deserto e che quella che ai miei occhi sia una mera ingiustizia resti tale.
La mia coscenza e la mia curiosità volevano solo essere rassicurate e meglio comprese dal lato umano e non medico ,con cui ho ben capito che solo con un ricorso potrò dare motivo alle mie richieste.
vorrà dire che attenderò il 26 ottobre, giorno in cui ho appuntamento con il patronato per capire tempistiche e modi opernati!

ringrazio e porgo cordiali saluti.

[#13] dopo  
Utente 245XXX

Gentilissimo dott. Corcelli , come su suo consiglio mi sono rivolto al patronato per presentare ricorso per ciò che descritto fin'ora, ricevo oggi chiamata telefonica dalla sede del patronato inca di corso di porta vittoria , la sig.ra che mi ha chiamato mi ha detto che ha ricevuto la mia richiesta di ricorso , ma che per un problema legato al reddito mio lavorativo , il ricorso non può esser presentato perchè non sussistono i requisiti di reddito! allora io spiego che a fini di reddito non mi interessa nulla e non voglio un riconoscimento economico, ma che ho presentato ricorso perchè ritengo che il punteggio datomi con il verbale ricevuto , sia inferiore a quanto mi spetta realmente e che non capisco come mai vi sia la dicitura di portatore di dembulazione sensibilmente ridotta ma che sotto di 2 righe vi sia la dicitura che non sussistono i requisiti per il rilascio del contrassegno.
Alchè la sig.ra mi propone di fare un nuovo aggravamento per ottenere ciò che io chiedo !!
E' corretto ciò che mi è stato suggerito?? dovrò nuovamente spendere 90 euro per richiedere un nuovo aggravamento?? come mi devo muovere?? non so più dove sbattere la testa e non ci sto capendo nulla .
grazie e buona serata.

[#14] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,
siccome non è più possibile da anni un ricorso amministrativo, oggi si può fare ricorso solo mediante un ATP (Accertamento Tecnico Preventivo), rivolgendosi al Giudice del Lavoro; l'ATP ha un costo.
Per questo motivo, forse, il Patronato le consiglia di fare una domanda di aggravamento.

Buona giornata
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it