Utente 145XXX
dottore innanzi tutto buongiorno,
in seguito a un incidente stradale ho iniziato ad avvertire dolori costanti alla schiena specilmente appena sveglio e sono andato a fare la risonanza magnetica con i seguenti risultati:
a livello d7d8 protrusione discale focale in sede paramediana destra che impronta la superfice anteriore del midollo spinale,a livello L4 L5 modesto bulging discale posteriore che impronta il sacco durale e impegna parzialmente la porzione inferiore dei forami di coniugazione,a livello L5 S1 lieve protrusione discale in sede mediana che impronta il sacco durale inscritta in modesto bulging discale che impegna parzialmente la porzione inferiore dei forami di coniugazione lievemente maggiore a sinistra. Documentandomi nel web in attesa di visita di controllo ho intuito che grossolanamente stiamo parlando di piccole ernie del disco e su questo sito mi sono imbattuto nel racconto di un ragazzo a cui il medico legale assicurativo ha detto che non sono riconducibili a trauma post incidente,è possibile?? Nel mio caso devo p che cosa ho di precisorepararmi alla beffa dopo il danno?E sopratutto che cosa ho di preciso??
Ringrazio anticipatamente per l'attenzione
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

premetto che per dare un giudizio più preciso occorrerebbe:
- conoscere la dinamica dell'incidente;
- visionare la risonanza magnetica, per valutare, nei limiti del possibile, se le immagini di almeno una delle protrusioni discali sia da ricondurre ad un fatto acuto e cronologicamente compatibile con la data dell'incidente stradale.

Detto ciò, da quanto descrive anch'io ritengo che assai probabilmente le sue discopatie, proprio perché multiple e in varie sedi (dorsale e lombare) siano legate ad una preesistente patologia artrosico-degenerativa.
Non deve meravigliare la sua giovane età; con l'avvento della risonanza magnetica molte persone scoprono di avere delle discoprite; si tratta di una patologia assai comune, che nella maggior parte degli individui non dà alcun disturbo.

Cordiali saluti
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 145XXX

dottore la ringrazio per la risposta,per quanto riguarda la dinamica si tratta di un semi frontale(una macchina ha invaso la mia corsia...2.150 euro di danni). Mi meraviglia il fatto che la mia fisiatra mi continui a dire che nessun medico puo escludere che le protrusioni non sono riconducibili all'incidente che il fatto della dislocazione puo attribuirsi al contracolpo e che in ogni caso è il medico legale che deve provare il contrario non io che mi devo giustificare,è possibile?. è possibile che a distanza di 90 gg provo ancora dolori accentuati in regione dorsale specialmente la mattina e un affaticamento costante mai avvertito prima??noto che sia in questo sito che in altri l'argomento ernie non corrisposte da risarcimento assicurativo è molto battuto ma sempre poco chiaro,cosa puo fare un paziente per sapere con precisione e sopratutto con valutazione fuori dalle parti se in questo caso le protrusioni sono o non sono dovute all'incidente?perchè un ragazzo,come nel mio caso,si deve sentire come un truffatore e arrivare quasi a pentirsi di avere avviato una richiesta di risarcimento?'
la ringrazio anticipatamente per l'attenzione e forse dovrei scusarmi per le troppe domande ma come si puo notare sto vivendo male la situazione perchè non mi è mai piaciuto passare per disonesto.
cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
"cosa puo fare un paziente per sapere con precisione e sopratutto con valutazione fuori dalle parti se in questo caso le protrusioni sono o non sono dovute all'incidente?"

avevo già risposto a questa domanda:

far visionare la risonanza magnetica ad un radiologo esperto, per valutare, nei limiti del possibile, se le immagini di almeno una delle protrusioni discali sia da ricondurre ad un fatto acuto e cronologicamente compatibile con la data dell'incidente stradale.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it