Utente 252XXX
caro dottore ringraziandola anticipatamente per la risposta. ho 44 anni e voglio anticiparle che ho già un'invalidità pari al 46\100. a marzo 2011 ho subito un'intervento al cuore diagnosi di entrata cardiopatia valvolare :severa insuff sistolica da prolasso dei lembi maggiormente del posteriore in sindrome di barlow . vorrei sapere che percentuale di invalidità posso arrivare. ho anche altre patologie calcolosi renale sx incontinenza venosa arti inf e sindrome depressiva dovuta all'intervento subito.grazie

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,

la valutazione di invalidità permanente successiva ad intervento cardiochirurgico non può essere effettuata sulla base della diagnosi di ingresso del ricovero ospedaliero, bensì necèssita di un'accurata stima di quella che può essere la compromissione funzionale della funzione cardiaca, sulla base della classificazione della New York Heart Association (N.Y.H.A.).
In ogni caso, come sottolineato in precedenti consulti, ritengo che in questa sede non possano essere fornite attendibili previsioni su quella che sarà la valutazione della competente Commissione, per l'impossibilità di effettuare una visita diretta ed un esame della documentazione sanitaria.

https://www.medicitalia.it/mascotti.nicola/news/2178/La-valutazione-percentuale-dell-invalidita-permanente-in-Medicina-Legale

Tenga presente comunque che in occasione della visita per l'aggravamento dell'invalidità civile verranno rivalutate anche le infermità per cui in precedenza ha avuto il riconoscimento delle percentuale del 46%, delle quali ritengo sia opportuno consigliarLe di documentare, mediante certificazioni attuali, la permanenza e la relativa condizione clinica.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]