Utente 275XXX
Dottore Buongiorno
Il 16 /2/12 ho subito cadendo al lavoro un infortunio al ginocchio sx,tenendomi 3 mesi fermo in infortunio questa la diagnosi fatta dall'INAIL:frattura dell'emipiatto esterno ginocchio lassità articolare del ginocchio per lesione completa LCA,non operata con buon compenso muscolare;esiti di rottura di menisco mediale,non operata;esiti di rottura del menisco laterale,non operata;lassità articolare del ginocchio da rottura parziale LCL,non operata;limitazione funzionale del ginocchio.GRADO ACCERTATO 013;GRADO COMPLESSIVO 013.
Inoltre mi è insorta una piccola trobosi al polpaccio,non accertata dall'INAIL,curata con ARVENUM, e calza elastica.
Ora il15/10/12 ho fatto una visita medico legale,per conto dell'azienda per cui lavoro,la quale si avvale di una assicurazione di Torino,che ha liquidato altri colleghi che avevano avuto infortunii,ma all'esterno della azienda.
La mia domanda è:può questa visita ridurre il grado di 013 accertato dall'INAIL,e valutare questo danno in modo minore?e all'incirca a quale cifra può ammontare l'indennizzo?
La ringrazio per la risposta,e le porgo cordiali saluti.
Alberto

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

mentre l'INAIL adotta le "nuove" tabelle di valutazione allegate al DM del luglio 2000, in polizza infortuni (personale o collettiva aziendale) solitamente si adottano altre tabelle,
che sono o le tabelle ANIA o le vecchie tabelle INAIL di cui al DPR nr 1124 del 1965.
Le tabelle ANIA grosso modo corrispondono a quelle nuove dell'INAIL.

Oltre alle diverse tabelle, la valutazione potrebbe variare, in quanto si tratta pur sempre di valutazioni, che, entro certo limiti, sono medico-dipendenti.

Quanto alla cifra dell'indennizzo, dipende dal massimale assicurato.
In molte polizze aziendali si stabilisce di assumere come massimale
- o l'importo corrispondente a 6 volte la RAL (retribuzione annuale lorda)
- o una somma prestabilita.

Accertato quale sia il massimale assicurato, lo si moltiplica per la percentuale di invalidità riconosciuto.

Cordiali saluti
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it