Utente 298XXX
Gent.mi Dottori,
soffro di crisi epilettiche parziali plurisettimanali farmacoresistenti (10-15 al mese) con caduta.
Per le crisi soffro anche di ansia continua.
Da qualche anno percepisco pensione di invalidità (100% inabilità lavorativa)
Ho fatto domanda per l'indennità di accompagnamento ma non mi è stata assegnata, per questo ho fatto ricorso all' INPS e sto aspettando la risposta.
Vorrei sapere se secondo la legge ho diritto ad avere l'accompagnamento.
Se l' INPS può negarlo e quanto tempo bisogna aspettare dopo il ricorso.

Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Pasquale Bergamo

36% attività
4% attualità
12% socialità
SCALEA (CS)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Credo che posssa avere il riconoscimento dell indennità di accompagnamento. Le allego l'ultima sentenza della corte di cassazione in merito.
Non so quando tempo possa passare. Comunque ha diritto al rimborso dal giorno della domanda.
La capacità richiesta per il riconoscimento dell'indennità di accompagnamento non deve parametrarsi sul numero degli elementari atti giornalieri, ma soprattutto sulle loro ricadute, nell'ambito delle quali assume rilievo non certo trascurabile l'incidenza sulla salute del malato, nonché la salvaguardia della sua "dignità" come persona (anche l'incapacità ad un solo genere di atti può, per la rilevanza di questi ultimi e per l'imprevedibilità del loro accadimento, attestare di per sé la necessità di una effettiva assistenza giornaliera).

Cassazione , sez. lavoro, sentenza 21.01.2005 n° 1268

http://www.altalex.com/index.php?idnot=9525

(torna all'indice informazioni)

Lo ha stabilito la sezione lavoro della Cassazione, con la sentenza n. 1268 del 21 gennaio 2005, precisando che ai fini dell'indennità non conta tanto il rapporto tra incapacità e numero di attività che non si riescono a svolgere, quanto piuttosto il rapporto con singole attività, perchè la qualità di queste può incidere significativamente sia sulla necessità di un'assistenza e sia sul diritto alla salute.
dr Pasquale Bergamo

[#2] dopo  
Utente 298XXX

Gentile Dr.,
grazie per la risposta, secondo lei devo aspettare l'esito del ricorso o conviene fare qualcos'altro?

Grazie

[#3] dopo  
Dr. Pasquale Bergamo

36% attività
4% attualità
12% socialità
SCALEA (CS)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
chieda al patronato INPS. Forse ha bisogno di una perizia medicolegale da allegare al ricorso.
dr Pasquale Bergamo

[#4] dopo  
Utente 298XXX

Gentile Dr,
secondo lei perchè alla prima domanda d'invalidità che ho fatto, non mi è stato riconosciuto l'accompagnamento, visto che la legge lo prevede?
Inoltre circa 20 giorni fa ho anche fatto una visita all'INPS per la revisione dell'invalidità (scaduta a Gennaio), finora non mi hanno ancora risposto, quanto devo attendere?
E secondo lei con questa visita potrebbero farmi annullare il ricorso e assegnarmi l'accompagnamento?
(la perizia medicolegale l'ho consegnata sia per il ricorso sia per la visita di revisione)
Grazie

[#5] dopo  
Dr. Pasquale Bergamo

36% attività
4% attualità
12% socialità
SCALEA (CS)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Attenda l'esito della revisione da parte della commissione e poi, se non le riconoscono quanto richiesto, consulti un avvocato.
dr Pasquale Bergamo

[#6] dopo  
Utente 298XXX

Gentile Dr.,
mi scusi se non ho risposto subito, proprio ieri pomeriggio ho avuto una crisi e sono stato male.
Grazie per i suoi consigli.