Utente 491XXX
Egregi Dottori,
nella speranza di avere presto un Vs. consulto, espongo di seguito le gravi condizioni di un amico 28nne ferito durante un incidente stradale:
dopo tre operazioni purtroppo inutili, causa fratture multiple e schiacciamento si è reso necessario l'amputazione degli arti inferiori (sotto alle ginocchia credo) e della mano sx, sono presenti fratture a diverse costole, spalla sx, alcune ossa del polso dx, una forte crisi ansiosa (forse anche per il dolore) e una depressione latente (quando l'ho visto piangeva disperato e ripeteva "non voglio più vivere"). Fortunatamente (se così si può dire) nessun organo interno è leso.
Causa dell'incidente è stata un impatto frontale con un camioncino che sorpassava in corsia opposta, dove procedeva l'auto del mio amico. E' stato rilevato che entrambi i veicoli erano fuori limite di velocità?
Il conducente del camioncino non ha subito danni.
Le domande sono:
Il legale del camionista ha richiesto un "concorso di colpa" affermando che "l'autovettura procedeva a bassa velocità inziando ad aumentare durante il sorpasso con l'intenzione di provocare l'impatto" il camionista inoltre ha come testimone il conducente dell'auto che precedeva il mio amico.
1) Secondo Vs. parere è fattibile questo?
2) Quanto può essere corrisposto per un danno simile?
3) E' possibile un riconoscimento dell'invalidità del 100% + indennità di accompagnamento?
4) E' vero che l'ospedale non può rilasciare nessun certificato medico fino a quando il paziente è ricoverato?
5) Se si, è possibile presentare domanda d'invalidità senza certificazione medica? oppure si può richiedere certificazione al medico di base? e cosa dovrebbe scrivere?
Mi scuso per il linguaggio, spero sia comprensibile, grazie infinite a tutti Voi per i preziosissimi consigli.
Distinti saluti
Andrea

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Mi permetto di rispondere visto che la Sua richiesta finora è rimasta inevasa.
Intanto mi sembra assurda e priva di ogni logica la tesi difensiva dell'avvocato del camionista.
In ogni caso, pur non avendo direttamente a disposizione la documentazione,penso che il Suo amico possa aver ragione in quanto l camionista non avrebbe dovuto iniziare la manovra di orpasso nell'incrociare un altro veicolo.
La valutazione del danno e dei postumi va fatta in sede medico-legale, ovvero visitando la persona.
Sul punto 3) la risposta probabilmente è si, ma bisogna seguire le procedure.
L'ospedale puo' rilasciare solo un certificato di degenza, dopo la dimissione, su richiesta dell'interessato, la Cartella Clinica.Per quanto riguarda il punto 5)l'iter è il seguente: va ovviamente richiesto un risarcimento danni (psico-fisici, morali, esistenziali ecc) all'Assicurazione del camionista se risulta in torto. Contemporaneamente si deve fare la domanda di invalidità all'ASL di competenza presentando opportuna certificazione.
In tali procedure è d'obbligo l'assistenza, oltre che dell'avvocato, di un medico legale ed eventualmente di un clinico.
Cordialità ed auguri per il Suo amico
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente 491XXX

Grazie mille Dott. Migliaccio,
speriamo che le cose vadano per il meglio, vedo che già a causa di questi disaccordi la faccenda andrà per le lunghe.
Spero verrà risarcito a dovere, i soldi non fanno la felicità dicono, ma in questo caso spero lo aiutino molto.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Dovrebbe rivolgersi ad un avvocato e ad un medico legale per una perizia di parte (quando le lesioni si sono stabilizzate). Il problema è complesso poichè bisognerà valutare anche eventuali protesizzazioni agli arti inferiori.
Intanto può fare domanda d'invalidità civile + L. 104 alla competente ASL di residenza, allegando il certificato del medico curante e una certificazione (no cartella se è ricoverato) dell'ospedale (di solito la rilasciano).
Per quanto riguarda le valutazioni percentuali dipende dall'ambito di competenza e naturalmente dalle condizioni dell'interessato.
auguri !
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona

[#4] dopo  
37801

Cancellato nel 2010
concorso su tutto quanto scritto dal collega Migliaccio
Per la parrte assicurativa si faccia seguire da un buon legale e da un medico legale.Conosco benissimo professionalmente Modena e sono certo che ne troverà di eccellenti.
Inutile dire che la valutazione sarà altissima
dott Sergio Funicello
Spec Medicina legale e Chir d'Urgenza
Dirigente medico legale ASL

[#5] dopo  
Utente 491XXX

Grazie a tutti Voi Egregi Dottori.

[#6] dopo  
Utente 491XXX

la controparte non ha voluto patteggiare.
In prima udienza il camionista è stato condannato ad 1 anno 2 mesi e 17 gg di carcere più al risarcimento dei danni ke superano il milione e mezzo di euro.
Ha detto che ricorrerà in appello spero che il giudice non modifichi la senteza in peggio.
Grazie ancora a tutti Voi.

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Nessuno può dirlo, ma penso che la sentenza sarà confermata.
Auguri
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#8] dopo  
37801

Cancellato nel 2010
comunque segua il risarcimento perchè la parte "carceraria"rientra nell'indulto ahimè
dott Sergio Funicello
Spec Medicina legale e Chir d'Urgenza
Dirigente medico legale ASL