Utente 234XXX
uomo 65 anni
affetto da diabete mellito tipo 2 + patologia bipolare in cura con buoni risultati.
Deve fare visita x rinnovo patente presso la commissione medica provinciale .
E' in possesso dei certificati dei medici presso cui è in cura che dichiarano che secondo loro è abile alla guida.
Vorrei sapere come si svolge la visita e se c'è la possibilità che la patente gli venga tolta.
Vi ringrazio dal profondo del cuore, buon anno a tutti voi!

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,

la visita presso le Commissioni Mediche Locali vengono svolte secondo procedure che ogni organismo ha previsto in sede di insediamento, e quindi con una certa variabilità da sede a sede.
In ogni caso, viene esaminata la documentazione sanitaria che l'interessato esibisce, e si procede ad un'anamnesi e ad un esame obiettivo, sia generale che mirato alle problematiche di salute che possono rappresentare pregiudizio per la sicurezza nella guida dei veicoli, alla cui conduzione la patente abilita.
Se del caso, la Commissione può richiedere ulteriori accertamenti specialistici, da effettuarsi presso strutture sanitarie pubbliche.
Nel caso in questione, se il diabete mellito è in compenso metabolico e privo di complicazioni (soprattutto oculari e neurologiche), tale patologia non dovrebbe comportare problemi per il rinnovo della patente.
Differente è invece la valutazione della patologia psichiatrica, che sicuramente verrà valutata per quanto riguarda il decorso, il controllo clinico con la terapia in atto, e la possibilità di episodi di acuzie o ricadute.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 234XXX

Qualora il decorso della patologia psichiatrica fosse stato stabile e o in miglioramento poiché il soggetto ha risposto bene ai farmaci ,intendo dire nel senso che la malattia fosse valutata "sotto controllo",dal psichiatra che lo ha in cura, quali potrebbero essere ancora gli ostacoli ad un rinnovo della patente?
grazie infinite x la sua disponibilità dottore!

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

si tratta, come ben comprende, di una valutazione medico-legale complessa, che partendo dagli aspetti clinici deve tenere conto di quanto può essere di pregiudizio alla sicurezza nella guida.
La risposta alla terapia con assenza di manifestazioni cliniche per un lungo periodo di tempo è senz'altro un elemento positivo; resta da vedere quale può essere la compliance presente e futura del soggetto alla terapia, ed altri elementi non trascurabili, fra i quali l'entità delle manifestazioni cliniche pregresse e degli aspetti depressivi/maniacali riscontrabili nel decorso.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#4] dopo  
Utente 234XXX

Certo, comprendo perfettamente e la ringrazio molto per la sollecita risposta.
Solo un cosa non mi è del tutto chiara: in assenza di manifestazioni cliniche gravi per un lungo periodo o di aspetti depressivi/maniacali riscontrati nel decorso della malattia non di grave entità, la persona in questione può anche non vedersi rinnovare comunque la patente ?
oppure stiamo parlando sì di un rinnovo ma x un periodo di tempo limitato?
grazie

[#5] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

il mancato rinnovo della patente o la limitazione alla validità della stessa sono prescrizioni della Commissione Medica Locale che possono verificarsi qualora, come ho già detto, dalla visita emergano elementi indicativi di pregiudizio per la sicurezza nella guida: è questo il criterio che, in ultima analisi, viene solitamente seguito.
L'assenza di manifestazioni cliniche ed il decorso non grave dell'infermità sono indicatori che orientano per l'idoneità: tuttavia ogni caso specifico fa storia a sè.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]