Utente 267XXX
Buona sera,
sono una ragazza di 24 anni affetta da endometriosi e rettocolite ulcerosa. L'anno scorso ho effettuato una colonscopia; l'esame istologico ha rilevato: mucosa di intestino crasso interessati da lieve edema ed essudazione linfo-plasmacellulare della tonaca propria. Conservazione dell'attività mucosecernente.Intestino crasso, focali quadri erosivi dell'epitelio di rivestimento. Lieve riduzione dell'attività mucosecernente. Frammento di adenoma tubulare con displasia ghiandolare di lieve grado.
Due mesi fa sono stata operata In VLS per una sospetta endometriosi. Il referto è il seguente: Lisi di aderenze enterogenitopelviche- enucleazione di voluminoso endometrioma ovarico sn(25 cm)- enucleazione cisti ovarica dx endometriosica- enucleazione nodulo endometriosico vescicale e del retto sigma-peritonectomia completa. Si somministra enantone 11,25 1 fl i.m ogni 3 mesi per 6 mesi.
Ho già un invalidità del 50 % ottenuta a 18 anni, in seguito alla colite ulcerosa, la mia domanda è la seguente: in base a questi nuovi referti è possibile ottenere una percentuale più alta?

Cordiali Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

prima di presentare istanza di aggravamento, è necessario che Lei tenga in considerazione quale beneficio intende ottenere con tale procedura.

Con il riconoscimento attuale (50%) Lei può accedere al cosiddetto "collocamento mirato" quale agevolazione per il diritto al lavoro.

Con un eventuale riconoscimento pari al 67%, otterrebbe l'esenzione dal ticket sanitario, mentre con percentuali superiori al 74% potrebbe ottenere l'assegno di invalidità civile (se il Suo reddito non supera il tetto annuo di € 4.795,57), o con l'inabilità al 100% la pensione di invalidità civile (se il Suo reddito non supera il tetto annuo di € 16.449,85).

Peraltro va considerato anche che in caso di nuovo accertamento per aggravamento non vengono considerate soltanto le nuove menomazioni, bensì la Commissione procede ad una rivalutazione complessiva del grado di invalidità, per cui anche il precedente riconoscimento del 50% verrebbe ad essere verificato, sulla base delle Sue condizioni cliniche attuali.

In conclusione, tornando all'argomento del Suo quesito, non è detto che in caso di istanza di aggravamento la percentuale che Le verrà riconosciuta sia maggiore rispetto a quella che già ha ottenuto.

Distinti Saluti.


Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]