Utente 234XXX
Che speranza ha un 65enne di rinnovo patente se affetto di stenosi aortica severa ma è asintomatico? Grazie di cuore immensamente!

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,
quale premessa alla risposta per il quesito che Lei pone debbo confermarLe quanto già riportato in data 8 gennaio u.s.
E' importante soprattutto la documentazione sanitaria che l'interessato esibisce, che viene valutata in funzione del pregiudizio per la sicurezza nella guida dei veicoli, alla cui conduzione la patente abilita, derivante dall'infermità in questione.
In casi dubbi, la Commissione può sempre richiedere ulteriori accertamenti specialistici, da effettuarsi presso strutture sanitarie pubbliche.

La stenosi valvolare aortica non necessariamente comporta sintomi soggettivi, ma può associarsi ad aritmie.
La comparsa dei primi sintomi (dispnea, angina e sincope) è solitamente improvvisa, e questo può essere un aspetto che pone problemi abbastanza importanti per l'idoneità alla guida.
Inoltre, se la stenosi è severa e si associa a scompenso cardiaco (velocità massima del sangue attraverso la stenosi, rilevata con ecodoppler, >4 m/s, gradiente medio di pressione transvalvolare >60-70 mmHg, area dell'orifizio aortico < 1 cm2, frazione di eiezione <50%) potrebbe esservi indicazione all'intervento chirurgico di sostituzione valvolare.

Distinti Saluti.

Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 234XXX

Ma da quello che capisco meno documentazione viene sottoposta alla commissione e più probabilità uno ha che gli venga rinnovata la patente......giusto?
non dovrebbe essere il contrario?

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

non concordo con questo tipo di considerazione, in quanto il motivo per cui è richiesto il giudizio di idoneità per il rinnovo della patente di guida è quello di garantire che chi guida non costituisca pericolo per sè e per gli altri.
In tale senso, non sono ammissibili dissimulazioni di condizioni cliniche note, che vengano omesse allo scopo di trarre in inganno la Commissione Medica.
La documentazione sanitaria a mio parere deve pertanto essere esibita integralmente, anche nel caso in cui possa comportare un giudizio di non idoneità.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#4] dopo  
Utente 234XXX

è vero dottore, concordo con lei ! le chiedo scusa per la mia affermazione precedente dettata semplicemente da uno sfogo....è che come potrà ben capire, sono alla ricerca , forse sbagliando , di pareri tecnici da professionisti basati sulle vs esperienze e sulle statistiche riguardanti appunto il fatto se è da considerarsi rinnovabile la patente x soggetto con le caratteristiche sopra descritte, e se si presumibilmente per quanto tempo(3, 6, mesi, 1 anno, ecc....) oppure è molto più probabile che la patente gli venga di punto in bianco totalmente non rinnovata ed il soggetto s trovi "a piedi".
Mi scuso ancora se sono inopportuna e soprattutto per la mia insistenza nel ricercare una risposta precisa, che comunque comprendo , non sia possibile dare da lei con le poche info a sua disposizione, ma la prego gentilmente di aprire il suo cuore e darmi un suo parere personale in merito....mi scuso ancora ma sono davvero molto angosciata, la prego di capirmi e di perdonarmi ancora.
Le sono comunque molto grata e permetta che le dica che mi è stato cmq molto di aiuto dal punto di vista morale.
Grazie.Buona giornata!

[#5] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,

il mio parere personale, al di là degli aspetti sanitari o amministrativi e burocratici, riguarda in primo luogo la sicurezza: se l'attività da compiere comporta rischi per l'incolumità propria od altrui, va proscritta; se l'attività può essere effettuata senza che tali rischi incombano, va consentita.
La cronaca recente riporta un evento che non vorremmo mai accadesse:
http://www.gazzettino.it/NORDEST/VENEZIA/incidente_mortale_santiago_berto_bambino_nonno/notizie/540271.shtml

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#6] dopo  
Utente 234XXX

Ma è ovvio che in questo caso un rischio c'è. Una persona affetta da tale patologia potrebbe sentirsi male in qualsiasi momento, questo è chiaro.
Forse l'unica differenza sta nel fatto di essere a conoscenza della patologia o meno.

Ma se ci si basa su tale pregiudizio (sicuramente lecito) a chi potrebbe mai essere rinnovata la patente? esisteranno dei parametri sui quali basarsi per decidere?
Poi mi chiedo, per carità anche stupidamente forse, quando viene rinnovata la patente ad una persona anziana(80 anni, tipo) che magari non ha patologie conclamate, non è comunque un soggetto a rischio per se e per gli altri se non altro per l'età e per il fatto che potrebbe essere altrettanto pericoloso per sé e per gli altri di una persona più giovane ma più sfortunata clinicamente?

da quanto ho capito a suo parere personale lei non rinnoverebbe la patente ad un soggetto affetto da quanto esposto sopra, giusto? nemmeno per pochi mesi?
se è così' la sua opinione si basa su un suo punto di vista oppure è solitamente la prassi??

la ringrazio molto, le prometto che questa è l'ultima richiesta che le faccio, non la disturbo oltre, è stato fin troppo paziente.
grazie

[#7] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

il mio parere personale, che ribadisco, è quello di non autorizzare una persona a svolgere attività che presentano un rischio per la propria ed altrui sicurezza, e ciò in qualsiasi ambito (guida, uso delle armi, lavoro, servizio militare, sport, attività ludico-ricreative); la limitazione temporale con rivedibilità può essere utile solo nel caso di condizioni cliniche variabili entro apprezzabili periodi.
I parametri di giudizio vengono stabiliti dalla Commissione Medica e variano da caso a caso, per cui non possono essere trattati ed analizzati in questa sede.

Ancora Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]