Utente 357XXX
Sono una donna di 42 aa Sono ricoverata da Ottobre 2013 in un DSM per Depressione maggiore con connotati di bipolarità. l'INAIL ha riconosciuto malattia professionale al 18% (sono infermiera in P.A. da circa 23 aa ed è stato riconosciuto nesso eziologico con disagio lavorativo/cotrittività organizzativa), L'INPS Invalidità Civile al 75%. Sono in attesa del Verbale della 104. E' stato diagnosticato un rallentamento cognitivo, attribuibile non a problematiche organiche, ma al mio stato di ansia che mi manda in tilt. A Dicembre dovrò sottopormi alla Visita della Commissione Medica di Verifica. Cosa devo aspettarmi? Quale potrebbe essere l'iter x farmi riconoscere una pensione di inabilità? A quanto potrebbe ammontare? Attualmente non sono in grado di ritornare in servizio, infatti ancora ricoverata...Grazie

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

dal punto di vista medico-legale, deve in primo luogo considerare che il settore pensionistico a cui far riferimento ai fini di una pensione di inabilità è quello previsto per i pubblici dipendenti secondo la Legge 335/95, che presuppone il collocamento in pensione ove il lavoratore sia riconosciuto in condizione di "'assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa".

Per ottenere tale riconoscimento, è necessario presentare apposita istanza all'amministrazione di appartenenza; a scopo esemplificativo, può vedere al link seguente il modello predisposto dalla Regione Lazio per i propri dipendenti:
http://www.regione.lazio.it/binary/rl_main/modulistica_DL70/Legge_335_95.pdf

Tuttavia va sottolineato che la quota di pensione riferita alle anzianità contributive maturate a decorrere dal 1° gennaio 2012 è calcolata con il sistema contributivo. Di conseguenza, la relativa maggiorazione si calcola secondo tali regole, ossia nei limiti di un’anzianità contributiva complessiva non superiore a 40 anni e riferita al periodo mancante al raggiungimento del sessantesimo anno di età (articolo 1, comma 15, della legge n. 335/1995) e su una base pensionabile di circa l'80%, il che significa che l'importo della pensione di inabilità è sensibilmente inferiore a quello della retribuzione in attualità di servizio.

La visita della Commissione Medica di Verifica che dovrà effettuare probabilmente riguarda appunto la Legge 335/95; in tale sede sarà opportuno che venga esibita la documentazione sanitaria aggiornata relativa alle Sue condizioni cliniche.

Distinti Saluti.

Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]