Utente 437XXX
Buongiorno, ho 55 anni,nel 2008 ho avuto un carcinoma mammario, operato e curato con chemio, radio e ormonoterapia. In seguito alle cure e alla natura stessa del problema mi è venuta una lieve depressione e dietro consiglio del mio medico di base , mi sono recata da uno psichiatra del SSN che mi ha curato per circa un anno con un antidepressivo di cui non ricordo più il nome dal momento che è passato molto tempo. In concomitanza con la revisione dell'invalidità ( passata dal 70% al 35%) mi è arrivata a casa la notifica per fare la revisione della patente presso la commissione medico legale. Da allora sono già andata due volte ( ogni due anni) l'ultima volta siccome ho portato una relazione dello psichiatra che definiva la depressione in remissione, me l'hanno allungata a tre anni. Ora i tre anni sono quasi trascorsi e fra poco mi devo ripresentare. Ho scaricato la domanda e vi vorrei segnalare che è obbligatorio allegare una "dichiarazione di sussistenza dell'evento morboso pregresso". Domanda: il mio evento morboso pregresso non è sussistente, è finito nel 2009, tanto è vero che è stato tolto dall'altra commissione medico legale dell'invalidità, tanto è vero che non assumo dal 2009 antidepressivo, non vado più dallo psichiatra e non ho più i sintomi della depressione, fortunatamente!!! Perché devo fare una " dichiarazione di sussistenza degli eventi morbosi pregressi"?!?!? Ma soprattutto perché tre anni fa dopo che non assumevo più antidepressivo e lo psichiatra dichiara la depressione in remissione mi rimandano ancora? Temo che anche farmi assistere da un legale possa essere inutile dal momento che io stessa devo fare la dichiarazione di sussistenza, nei fatti è come se la commissione si limitasse ad accertare una patologia che io stessa dichiaro di avere ancora!!!. Del resto se io invio la domanda senza allegare questa dichiarazione, non mi viene dato l'appuntamento. Ritengo profondamente ingiusto dover sottostare a questa procedura che mi ricorda un brutto periodo della mia vita che grazie al cielo non SUSSISTE più e rappresenta un impegno gravoso per una persona che deve lavorare.
Grazie per l'aiuto
Francesca

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Le suggerisco di presentare alla commissione una certificazione del curante che non assume più farmaci a scopo antidepressivo o anche la certificazione dello psichiatra di "guarigione clinica".
Sulla stampato deve dichiarare che la patologia non sussiste più

Cordiali saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona