Utente cancellato
Gentili dottori, ho 29 anni e da un po di tempo ho vari problemi di salute che di seguito vi elenco:

-Problemi Neurologici

Neuropatia delle piccole fibre (diagnosi da biopsia cute presso istituto san raffaele milano)
Parkinsonismo arti superiori
Difficoltà e dolorabilità nel camminare
2 Ernie Lombari di cui una sacrale centrali ad ampio raggio
2 Ernie cervicali centrali ad ampio raggio
Protusioni sulle restanti vertebre della colonna lombare
Tunnel carpale ambo le mani (refertato da EMG)

-Problemi Gastroenterologici

Esofagite/gastrite cronica
Diverticoli
Colite cronica - infiammazione inattiva (cura precedente la diagnosi con steroidi per dolore)
Proctocolite con nodulo rimosso- infiammazione inattiva (cura precedente la diagnosi con steroidi per dolore)

Altri

BPCO (bronchite cronica)
Stanchezza cronica
Ipertensione da Holter classe Law1

In base a questi dati potrei arrivare ad ottenere un minimo assegno di invalidità civile? Non sono ad oggi interessato ad avere accompagnamento o altro visto che sono autosufficiente seppur mi tocchi perder almeno 3 ore al giorno per clisteri et varie senza contare l'astenia etc Quel che mi preme è che non riuscendo più a lavorare ne avrei veramente bisogno perchè diversamente non so bene come fare a vivere. Ero un tecnico informatico e mi è quasi impossibile lavorare con il parkinsonismo che il neurologo ha voluto subito classificare in certificato che mi ha fatto da consegnare alla commissione senza contare la stanchezza cronica che in un quadro come il mio non aiuta. Ora mi diceva il neurologo che per neuropatia delle piccole fibre la percentuale di invalidità forse nemmeno c'è o è a valutazione. So che è una neuropatia rara perciò mi chiedo, se trovassi un medico che non conosce la patologia? Come potrei fare? Già scriverne mi da grande angoscia. Per le altre patologie invece cosa potrei ottenere?\

In attesa di risposta porgo i miei più cordiali saluti e ringraziamenti.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
20% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

non è possibile quantificare la percentuale d'invalidità. Le suggerisco comunque di presentare la domanda di riconoscimento d'invalidità civile e anche di L 68/99 (collocamento mirato al lavoro per gli invalidi civili) penso che il minimo (46%) per l'iscrizione alle liste di collocamento potrebbe raggiungerlo.

Cordiali saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona

[#2] dopo  
429439

dal 2018
grazie dottore per al risposta. Sapevo di queste liste ma il problema è che i miei sintomi principali dolore/parestesie sono incompatibili con concentrazione sul lavoro e i farmaci che si usano non li prendo perché peggiorano le cose. Spero di ottenere più del 46%