Utente 937XXX
Gentile responsabile, ho 43 anni ed un anno fa ho subito un grave incidente stradale dal quale ho riportato numerosi traumi e complicazioni:
- Frattura scomposta del 1/3 medio diafisario clavicola sinistra, trattata con immobilità assoluta a letto e tutore esterno, (consolidatasi ma con postumi riferiti a dolori pungenti qualora volessi effettuare flessioni)
- Fratture costali multiple (5-6-7 a destra e 2 a sinistra) con versamento pleurico a destra (consolidatesi senza apparenti postumi)
- Ferita lacero contusa in regione fronto-parietale con applicazione di 10 punti di sutura, (postuni cicatrice ben visibile per scuoiatura e priva di crescita di capelli per cm 8 di lunghezza e 1 di diametro;
- Frattura della colonna posteriore dell’acetabolo sinistro, (bacino sx) trattata con immobilità a letto. Esiti attuali “pregressa frattura dell’acetabolo di sinistra con distasi del ciglio aceta bolare posteriore e frammenti ossei dislocati posteriormente. Irregolarità pseudoartrosi delle superfici articolari coxo-femorali”. (postumi relativi a continui dolori “atrosi” e difficoltà ad allargare la gamba verso l’esterno)
- Frattura trimalleolare destra di caviglia destra osteosintetizzata con vite al malleolo mediale tibiale e placca modulare con nove viti più una vite (10) libera al malleolo peronale. Attualmente la situazione è la seguente:
• pregressa frattura trimalleolare del collo piede destro, quelle del malleolo tibiale mediale e del malleolo peroneale sono state trattate con mezzi di sintesi metallici ed appaiono consolidate.
• Frattura pluriframmentara scomposta del malleolo laterale della tibia, non consolidata.
• Focolaio osteocondrosico a carico del domo gastralgico.
• Alterata densità della spongiosa ossea dell’astragtalo e dell’osso calcaneare per fenomeni edemi geni intraspongiosa.
• Ridotta ampiezza della rima articolare tibio-astragtalo-calcaneare a destra.
• Falda di versamento nei tessuti molli del collo piede a destra.
• Lesione del legamento peroniero a destra.
(Postuni rimasti sono difficoltà nella deambulazione regolare, dolori costanti di tipo “artrosi” limitazione funzionale dell’articolazione in piegamento, caviglia continuamente gonfia in serata e dolori in aumento a seguito di eventuali sforzi quali lunghe passeggiate o trasporto di piccoli pesi).
-Frattura pluriframmentaria scomposta della metaefisi radiale destra (polso e mano destra) e distacco dell’apofisi stiloidea ulnare, trattata mediante fissatore in ferro esterno del tipo mini Hoffmann. (Postumi, cicatrice rimasta di tipo irregolare sulla parte del dorso della mano per una lunghezza di cm 14 con limitazione funzionale del polso soprattutto se si poggia la mano a terra e si vogliono fare le flessioni, perdita di presa) Diagnosi attuale:
• Pregressa frattura scomposta e consolidata dell’epifisi distale del radio di destra con frammenti abbastanza in asse.
• Frattura consolidata dell’osso scafoide di destra.
• Marcati fenomeni algodistrofici porotici a carico delle ossa del polso e della mano destra;
• Ridotta ampiezza della rima articolare radiocarpica di destra rispetto alla contro laterale.

In ordine a quanto innanzi riportato, le chiedo, qualora possibile, se lei può effettuare un calcolo, anche se puramente indicativo e del tutto approssimativo, dei punti di invalidità che si raggiungono in modo tale da essere preparato o quanto meno orientato all'atto della visita con il medico legale dell'assicurazione che dovrà effettuare il calcolo per la liquidazione. La ringrazio in anticipo per il gentile servizio fornito e le auguro un buon inizio di anno

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati

40% attività
8% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO)
FORLI' (FC)
SASSO MARCONI (BO)
MONTE SAN PIETRO (BO)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Il calcolo del punteggio di invalidità si ottiene da una valutazione complessiva del paziente, in base ai traumi riportati e ai postumi da essi determinati; per poter fare questo occorre valutare sia la documentazione clinica, sia quella radiografica, ma soprattutto interrogando e visitando il paziente. Per farsi trovare preparato occorre che Lei si affidi sbito, prima della visita dell'assicurazione, a un medico legale di parte che La possa assistere in un percorso difficile e insidioso, rivolgendosi a un legale esperto nel ramo, non essendo pensabile che Lei possa andare a discutere con il liquidatore.
Ricambio gli auguri
Cordiali saluti
Umberto Donati, MD

www.ortopedicoabologna.it

[#2] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
All'epoca di stabilizzazione dei postumi (cioè quando sarà giudicato guarito clinicamente dal suo medico) dovrebbe effettuare una perizia di parte da un medico legale di sua fiducia (o tramite il suo avvocato), successivamente verrà sottoposto a visita dal medico dell'assicurazione, in caso di disaccordo può andare in causa.

Dr. M. Golia -medico legale e del lavoro - Brescia
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona