Utente
Volevo sapere se, nel nostro Paese, esistono delle norme che disciplinano la prescrizione di trattamenti chemioterapici, in particolare se è possibile prescrivere una chemioterapia in assenza di dato istologico/citologico positivo per malignità.
Lo chiedo perché perche mio padre dopo diversi esami (Tac, RMN, pet e 4 prelievi bioptici) si trova in questa situazione: lesione alla testa del pancreas non tipizzata poiché le 4 biopsie risultano negative per malignità.
È possibile in tal caso, sul piano giuridico, prescrivere una chemioterapia?
È possibile, in tal caso, porre (intendo sul piano legale) una diagnosi di "tumore maligno del pancreas"?

[#1]  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

per quanto è a mia conoscenza non esistono norme specifiche, aventi valore di Legge, riguardanti il caso in questione.
Poichè si tratta di aspetto squisitamente clinico, le regole di comportamento sono dettate dalle linee guida delle società scientifiche, e così pure i criteri per le diagnosi.
Il medico tuttavia ha una propria discrezionalità, dettata dal ruolo che ricopre, per cui può agire secondo la propria esperienza e professionalità anche non tenendo conto delle linee guida, ovviamente nell'interesse della salute dell'assistito, ed esponendosi al rischio di un contenzioso nel caso il trattamento o la terapia non abbiano successo e ne conseguano lesioni personali.
Va sottolinato comunque che, nell'effettuare un trattamento come quello ipotizzato, è sempre indispensabile acquisire preliminarmente il consenso informato dell'assistito, che ha tutto il diritto di rifiutare le terapie propostegli, assumendosene le responsabilità.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]