Utente 220XXX
Salve,mia madre ha scoperto di avere un tumore al seno di circa 3 cm. dopo vari esami la diagnosi è carcinoma duttale infiltrante g3 localmente avanzato non metastasi a distanza.Dopo aver avuto un colloquio con l'oncologo che lavoro nell'ospedale della nostra città decidono di procedere con cicli di chemioterapia neoadiuvante , gli effetti sono stato subito negativi ovvero c'è stata una veloce crescita del tumore in tre mesi di chemioterapia tutto ciò è documentato dai referti degli ospedali dell'asl.Nonostante abbia avuto solo effetti negativi l'oncologo decidette dopo che il tumore era cresciuto a dismisura e dopo il 4 ciclo era diventato circa 16cm. di continuare ancora con la terapia neoadiuvante allorchè noi decidemmo di rivolgerci altrove ovvero all'univiersità la sapienza di roma dove decidettero di intervenire subito con intervento chirurgico facendo una mastectomia totale e ci affermarono che se avesse fatto altri 2 cicli di chemio probabilmente sarebbe deceduta,per il palese aggravamento delle dimensioni del tumore,vorrei sapere a chi rivolgermi sia per un risarcimento e per fare in modo che questo non accada piu'.Vi ringrazio per la disponibilità.

Cordiali Saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

trattasi di caso molto delicato, bisognerebbe rivolgersi ad un medico-legale per un eventuale parere di parte, sarà necessario comunque avere una relazione da parte degli oncologi che hanno seguito la mamma successivamente. Poi si valuterà se procedere o meno valutando la situazione attuale e pregressa.

cordiali saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona