Utente 113XXX
Spett.le Medicitalia.it sono un operatore sanitario è lavoro in una clinica privata. Mentre lavoravo mi sono tagliato con delle forbici usate poco prima su di un paziente affetto da epatite C. Ho chiamato la direzione medica e ho segnalato per iscritto l'accaduto in duplice copia per cautelarmi se un domani avessi potuto riscontrare il virus e chiedere un indennizzo INAIL. Putroppo non ero informato dell'indennizzo della 210/92 poiché ero rimasto all'epoca che era possibile sono per contagio da HIV e quindi non sono andato subito al pronto soccorso nell'ospedale più vicino. Il fatto e che dopo un mese dall'incidente ho riscontrato positività ai markers anti-HCV, esame al quale, per controlli di routine, qualche mese prima dell'incidente ero risultato negativo. Posso recarmi anche adesso al pronto soccorso per dichiarare l'accaduto per richiedere l'indennizzo 210/92 all'ASL? Quali sono i passi che mi consigliate?
Spero mi possiate dare una mano, ho sentito molte persone ma hanno solo alimentato la mia confusione. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile utente,

in considerazione del tempo di incubazione delle epatiti post-trasfusionali, contemplate al comma 3 dell'art. 1, il termine di prescrizione, per la presentazione della domanda di indennizzo per danni irreversibili alle medesime correlati, e' assimilato a quello relativo alle vaccinazioni (tre anni).

Nel suo caso, può fare sia la denuncia all'INAIL che la domanda ai sensi della L.210/92.

La denuncia di infortunio all'INAIL può essere fatta anche ora, anche se è trascorso del tempo (credo che si prescriva entro un anno).
E' importante che il fatto accaduto sia stato segnalato per iscritto alla direzione medica della sua clinica. Tale denuncia all'INAIL seguirà il suo iter.

Conservi accuratamente ogni documentazione relativa al fatto, alle visite mediche che ha fatto o che farà, agli esami di laboratorio, eccetera.
Per la domanda di indennizzo allo Stato ai sensi della Legge 210/92 può fare domanda entro i 3 anni da quando è venuto a conoscenza di essere stato contagiato.

Data la segnalazione alla sua direzione medica, penso che probablmente non sia necessario che si rechi ad un Pronto Soccorso, ma può avvalersi delle stessa documentazione inerente la denuncia all'INAIL.

Le consiglio di fare subito sia la denuncia all'INAIL che quella per la Legge 210/92, in modo da innescare la procedura.

Al link http://www.indennizzolegge210.it/default.asp?id=376 può trovare ogni informazione utile.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it