Utente 119XXX
buon gorno a tutti.
Ho dei quesiti da rivolgervi. In data 16-01-09 sono stata vittima di incidente stradale mentre mi recavo al lavoro. Sono un dipendente comunale,di 54 anni, 20 anni di servizio, e mi è stato riconosciuto l'infortunio in itinere. A seguito di questo incidente ho riportato frattura del IV metacarpo sx e frattura trimalleolare della caviglia sx. La mano è quasi tornata a posto a seguito di osteosintesi incruenta e 45 gg di gesso(anche se residua ansra una certa rigidità del IV e V dito), la caviglia invece è stata sottoposta ad artrodesi e per 6-8 mesi dovrò portare il fissatore esterno tipo ilizarov, quindi avrò un danno biologico permanente. Puntualizzo che l'incidente automobilistico è al 100% colpa del mio investitore e che sono ancora a casa poichè incapace di deambulare. Mi potreste dire a cosa ho diritto? Secondo voi sarebbe meglio essere risarciti dall'assicurazione o dall'Inail?
grazie a chi saprà rispondere.
Cristina

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

Per la valutazione dei postumi sarà indispensabile una visita personale da parte di uno specialista in medicina legale; in un consulto online non è possibile abbozzare nemmeno una valutazione presuntiva, sarebbe grossolana e forse sbagliata.

Ha diritto sia al risarcimento da parte della compagnia assicurativa del responsabile dell'incidente sia dell'indennizzo da parte dell'INAIL (nel suo caso, certamente si supera la soglia minima indennizzabile INAIL del 6%)

L'INAIL, comunque, farà una rivalsa; vale a dire che il quantum economico finale sarà così calcolato:
soldi avuti dal risarcimento in RCauto meno soldi avuti dall''INAIL.

Per ulteriori informazioni:
https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=81907
https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=89894

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it