L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 733XXX
Gentili Dottori,

è da un anno che soffro di cistite recidiva, dovuta alla presenza di batteri intestinali in vescica.
Mi sono sottoposta a vari cicli di antibiotici, che hanno compromesso l'esistenza dei batteri positivi presenti nel colon.
Infatti, dopo ogni ciclo medicinale, dopo gli esami, si evinceva la presenza di batteri intestinali sempre differenti.
Curata da illustri urologi, ho chiesto all'ultimo dal quale mi sono recata, se questa disbiosi intestinale potesse esser causata da un'alimentazione scorretta o da qualche intolleranza.
La risposta è stata affermativa.
Mi sono sottosta 15 giorni fa al suddetto test c/o un medico omeopata che mi ha diagnosticato una forte intolleranza ai lieviti, zuccheri, cioccolato, latte e derivati. Mi sono sottoposta ad una dieta a esclusione, coadiuvata da vari integratori di probiotici e omeopatici. Purtroppo il gonfiore addominale sembra aumentato, inoltre mi sento stanca, senza forze; ho notato, insomma, un vigoroso calo psicofisico.
A questo punto, sono a chiedervi se è normale sentirmi così.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Gabriele Tonelli

24% attività
0% attualità
12% socialità
BOLOGNA (BO)
UDINE (UD)
RIMINI (RN)
PORRETTA TERME (BO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Gentile utente Lei riferisce di avere (oltre le prescrizioni dietetiche) assunto in coazione anche preparati omeopatici. Su questa base teoricamente gli effetti da Lei rilevati potrebbero essere dovuti al fenomeno della vicariazione regressiva: ovvero alla reazione dell'organismo davanti alla stimolazione delle difese indotte dai farmaci omeopatici. In ogni caso Le suggerirei prudenzialmente di segnalare la cosa al Suo curante, così da poter verificare con lui la correttezza della mia ipotesi.
Cordiali saluti
Dott. Gabriele Tonelli
Psicoterapeuta,Master in Psicopatologia e Scienze Forensi,Segr.Redazione PsychiatryOnline It,Medico di Categoria. C.T.U.

[#2] dopo  
Utente 733XXX

Egr. Dr. Tonelli,
grazie per la Sua risposta.
Ho provveduto a contattare il mio medico, il quale mi ha detto che la cura è iniziata da poco tempo per avere nell'immediato risultati.
Mi ha invitato a continuare con le sue prescrizioni.
Io comunque nutro dei forti dubbi...