L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 241XXX
Salve a tutti. Vorrei alcune delucidazioni sulla Nux Vomica da assumere per l'apparato digerente. In particolar modo per il reflusso ed il gonfiore intestinale.

Considerato che in commercio esistono diversi tipi di Nux Vomica, quale mi consigliate di acquistare?

Mi riferisco, in particolare, alla Nux Vomica Heel (in pastiglie), alla Nux Vomica Homaccord in gocce, ed a quella in palline (in diverse titolazioni/CH).

Se possibile, preferire evitare la Homaccord a causa dell'alcool, considerato che va assunta a stomaco vuoto!

Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Sandro Morelli

28% attività
4% attualità
16% socialità
VELLETRI (RM)
LATINA (LT)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Salve. Un consiglio che do sempre a tutti, perché adottate il fai da te? Perché non fare una visita da un bravo medico omeopata, magari consultando il nostro sito? Le spiego, io sono 26 anni che esercito omeopatia, tutti i pazienti che vengono a visita, risolvono i loro problemi e stanno bene per lunghi periodi. Perché buttare i soldi inutilmente per comprare un prodotto che magari le dà un po di sollievo, ma non risolve i problemi?
L'omeopatia non è come la medicina tradizionale...questo per il mal di stomaco...questo per l'insonnia ecc...L'omeopatia cura tutto l'individuo con la sua costituzione, la sua predisposizione a fare malattie.
Mi spiego e concludo. Nux vomica ad alcuni dosaggi serve a far digerire quando mangiamo troppo, però a dosaggi diversi serve a curare l'insonnia per le persone impegnate troppo nel lavoro...Invece la sepia serve a far digerire più velocemente, arsenicum acidum per i bruciori...Insomma l'automedicazione omeopatica diventa inutile e pericolosa. Lei ha fatto una diagnosi dei suoi disturbi?
dott. Sandro Morelli