Utente 253XXX
Salve è da ieri pomeriggio che ho un dolore alla schiena nella zona dei reni. Vorrei sapere da cosa potrebbe dipendere. Premetto che ho provato questo stesso dolore l'anno scorsopoco tempo dopo una cistite. Mi chiedevo se i 2 episodi nn fossero correlati. é possibile che mi stia venendo di nuovo una cistite o mi devo preoccupare che possa essere qualke problema renale? Non so se possa avere importanza il fatto che ho avuto una nonna dializzata e che ho la cattiva abitudine di usare il computer a letto poggiato sulla pancia che mi fa calore. Mi devo preoccupare o è un banale mal di schiena?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
come può pensare che sia possibile giudicare a distanza un disturbo che solo lei percepisce senza poterla visitare? Dolori al dorso possono presentarsi in corso di cistite, ma in questo caso i disturbi ad urinare dovrebbero essere presenti e consistenti. E' pertanto indispensabile che si faccia visitare appena possibile dal suo medico curante ed assieme decidiate come sia più opportuno procedere.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 253XXX

Intanto grazie per la risposta. Non volevo chiedendo qui escludere una visita dal medico, volevo solo essere indirizzata meglio nella questione prima di andare dal medico. Volevo insomma capire quali possono essere le cause di un mal di schiena zona reni per capire quali erano le indagini da fare.In particolare mi interessava capire se per familiarità si è più a rischio di avere problemi renali.
Codiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
se il suo medico confermerà l'ipotesi di un problema alle vie urinarie, molto probabilmente le consiglierà degli accertameneti sulle urine e, magari, anche una terapia antibiotica generica. Ma in questi casi solo la visita può indirizzare correttamente la diagnosi.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 253XXX

Dottore le farò una domanda più specifica:in questo periodo, così come a novembre-dicembre 2010, sto usando per diverse ore al giorno il pc nel letto poggiandolo sotto seno, sopra gambe, pancia e zone intime e nel 2010 fu proprio in quel periodo di grosso utilizzo del pc che accusai i sintomi della cistite(bruciore, urgenza minzionale) . è possibile che l'uso abitudinario del computer nel letto poggiandolo sotto seno, sopra gambe, pancia e zone intime possa col calore sviluppato portare un infiammazione delle vie urinarie e delle zone intime che come la cistite faccia urinare con frequenza e bruciore ? glielo chiedo perchè ho timore che mi stia venendo di nuovo la cistite e vorrei capire se dipende da questa mia cattiva abitudine.
D altro canto nel 2010, dato che avevo troppo bruciore, il medico mi fece cominciare a prendere l antibiotico e l urinocultura l ho fatta solo 40 giorni dopo e nn uscì niente. quindi se nel periodo di bruciore e urgenza minzionale io abbiai avuto un sovrannumero di batteri non lo posso dire. La cosa certa e sicura è che in quel periodo usavo il pc 6-7 ore al giorno così come ora. In definitiva può il calore del pc disidratare e quindi portare infiammazione ai genitali e alle vie urinarie tanto da portare l'urgenza minzionale?

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
se i disturbi della cistite sono molto intensi, è accettabile ed abituale prescrivere un antibiotico generico per un breve periodo (anche una sola dose in alcuni casi) e poi valutarne gli effetti soggettivi entro qualche giorno. L'urocoltura può qundi essere effettuata come controllo un paio di settimane dopo, ma ovviamente anche prima se i disturbi persistono. Se invece i fastidi sono lievi è certamente più corretto invitare la paziente a bere moltissima acqua, fare gli esami ed eventualmente prescrivere l'antibiorico in base all'urocoltura (se positiva). Per quanto riguarda questo suo curioso dubbio se criminalizzare il suo computer ... credo sinceramente che la disidratazione, anche relativa, possa essere assai più facilmente causa di problemi, soprattutto dopo un prolungato periodo di clima caldo intenso come quest'anno. Comunque la sua "abitudine" non è certamente molto consigliabile, ma per altri motivi legati alla posizione viziata, sia per gli occhi che per la schiena. Il ruolo del calore, che pure non è così eccessivo, lo riterrei davvero marginale.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 253XXX

Grazie 1000, comincierò col bere di +, poi vedo come si evolve questa cosa...
Grazie ancora