Utente 232XXX
Ho 65 anni due anni fa operato do prostatectomia radicale. Da allora PSA 0,02.
A seguito di dolore ella schiena in corrispondenza dei reni e urine scure, l' Urologo mi ha consigliato una TAC al bacino con MC. I risultati sono buoni tranne:
Sotto l' ilo renale sx linfonodo para aortico vascolarizzato 14 mm patologico. Neoplasia metacrona uroteliale rene sx con invasione vena renale e linfoadenopatia adiacente.

Sono a chiedervi una valutazione preliminare ad una visita al Nefrologo e l' urgenza della stessa.
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,
per intanto tenga conto che il suo attuale problema è potenzialmente di interesse chirurgico, pertanto di competenza urologica e non nefrologica. Il nefrologo si occupa unicamente nelle malattie del rene non di interesse chirurgico (nefriti, insufficienza renale). Per il resto, la TAC parrebbe indicare la presenza di una neoformazione del rene sinistro. Questa in linea di massima non dovrebbe avere alcun legame con il problema prostatico per il quale lei è stato operato tempo fa. Le raccomandiamo di far riferimento in modo sollecito alla struttura od allo specialista da cui è stato seguiro in quell'occasione.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 232XXX

Grazie, Dottore, quando lei dice "in modo sollecito", mi suggerisce, data la situazione, di prenotare una visita privata (2 o 3 settimane) o normale ASL (2 o 3 mesi?)

Grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
la invitiamo a farsi vedere appena possibile. Non crediamo proprio che oggigiorno per una visita "privata" si attendano 2-3 settimane.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 232XXX

E' stato chiarissimo, grazie.
L' ultima cosa che mi sfugge è:Quando si dice : Neoplasia metacrona uroteliale rene sx con invasione vena renale e linfoadenopatia adiacente , si intendono metastasi?

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
in effetti si tratta di un modo molto convoluto di esprimersi, a suo modo anche abbastanza discutibile, anche perché dalla TAC non è ragionevole attendersi tutti questi dettagli. D'ogni modo "metacrono" vuol dire "successivo", con riferimento al fatto che lei ha avuto un altro tumore in precedenza. Tra le due manifestazioni non è ragionevole che vi sia un legame.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 232XXX

Certo Dottore, però la frase "con invasione vena renale e linfoadenopatia adiacente" , significa metastasi, che sarebbe la possibilità più temuta?

[#7] dopo  
Utente 232XXX

E' stato chiarissimo, grazie.
L' ultima cosa che mi sfugge è:Quando si dice : Neoplasia metacrona uroteliale rene sx con invasione vena renale e linfoadenopatia adiacente , si intendono metastasi?

[#8] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
No, le metastasi sono lesioni che interessano altri organi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#9] dopo  
Utente 232XXX

Grazie e buon lavoro.