Utente 204XXX
Buonasera,
mio figlio ha 18 giorni.Il travaglio è stato indotto con 3 applicazioni di prostaglandine a distanza di 6 ore a causa di rottura prematura del sacco, e il travaglio è stato accellerato con una flebo di ossitocina.Quando mi hanno messo mio figlio in braccio ho subito notato una macchia rossa sulla sua fronte, e in corrispondenza di essa quello che a prima vista pensavo fosse una sorta di bernoccolo. I medici non si sono accorti di nulla, siamo stati quindi noi a farlo presente e al neonato è stata fatta dapprima un'ecografia cerebrale dalla quale non è emerso nulla di significativo e in seguito una radiografia al cranio. Vista la leggera forma "a punta" della sua fronte e una cresta ossea in corrispondenza della sutura metopica che si rileva sotto le dita, c'è il sospetto di trigonocefalia. Il referto della radiografia dice: "Parziale e precoce saldatura della sutura metopica. Le altre strutture e le due fontanelle sono ben visibili."
Vorrei sapere se, dal momento che la radiografia è stata fatta a pochi giorni dalla nascita, è possibile già da subito distinguere un accavallamento delle ossa magari dovuto al travaglio difficile e alle pressioni delle contrazioni sul cranio del bimbo da una trigonocefalia. Ho letto che il periodo migliore per eseguire un intervento correttivo neurochirurgico è tra i 4 e gli 8 mesi. Questo significa che devo aspettare o c'è qualcosa che posso fare prima? Aggiungo che dall'ecografia morfologica e da quella fatta a 31 settimane la testa del bambino era normale, i riflessi e la muscolatura sono ottimi e quindi per adesso non c'è pressione endocranica, e la microcefalia è da escludere perchè la circonferenza era 33 cm alla nascita per 3 kg di peso, 34 cm dopo 10 gg e 35 adesso.Inoltre sia da parte mia che da parte di mio marito non ci sono casi simili in famiglia. Considerando anche la macchia rossa che aveva alla nascita sulla fronte, c'è da sperare che possa essere una deformazione da parto che andrà a posto da sola (il bambino si nutre esclusivamente al seno e credo questo favorisca il riposizionamento delle ossa) o si tratta più probabilmente di una trigonocefalia?

[#1] dopo  
Dr. Carlo Delvecchio

20% attività
0% attualità
0% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2009
Gentile signora
il mio consiglio è quello di rivolgersi ad un centro di neurochirurgia pediatrica, come per esempio al Gaslini di Genova, che credo sia a lei più vicino degli altri.
Loro sapranno certamente consigliarle il meglio, Internet informa, ma non può dare consigli terapeutici.
Cordiali saluti.
Dr. Carlo Delvecchio
specialista in neurochirurgia

[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Mirone

20% attività
0% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,
la descrizione morfologica da lei presentata insieme con il dato radiologico di chiusura parziale e precoce della sutura metopica sembra configurare una craniostenosi a tipo trigonocefalia. Come consigliato dal collega, tale sospetto va necessariamente confermato effettuando un esame clinico del piccolo presso un centro di neurochirurgia pediatrica che , in caso di diagnosi di trigonocefalia, potrà seguirlo nei prossimi mesi controllando il corretto sviluppo psicomotorio e pianificando il momento migliore per effettuare l'intervento chirurgico di rimodellamento. Stia serena e ci faccia conoscere l'esito del consulto.

Cordiali Saluti


Dr. Giuseppe Mirone, Napoli
Specialista in Neurochirurgia
Dirigente Medico - Neurochirurgia Pediatrica
AORN SANTOBONO-PAUSILIPON - Napoli