Angioma cavernoso celebrale

salve,ho 26 anni e da 5 anni che soffro di un sintomo che con gli anni si è modificato: durante la giornata si addormentavano tre dita della della mano dx e il labbro inferiore;col tempo il sintomo è cambiato:ora tutta la mano,le labbra,aumento della salivazione che dura circa un minuto.facendo una RM ho scoperto di avere un angioma cavernoso cerebrale in sede nucleo-capsulare a sx con estensione nel contesto del lobo dell'insula delle dimensioni di mm28 con un core reticolato in parte emorragico a bassa ed alta intensità.ho consultato dei neurochirurghi della zona e mi anno consigliato l'intervento anche se è molto pericoloso perchè questo angioma è situato in un punto particolare dove c'è rischio di toccare dei nervi collegati alla parola, o per di più c'è rischio di rimanere sotto i ferri. mi hanno consigliato di non stare a testa in giù in modo che il flusso venoso non aumenti, di non essere stitica, e siccome sono mamma da 7 mesi con parto spontaneo, mi hanno detto che sono stata fortunata che durante lo sforzo non sia successo nulla e che per un futuro parto dovrò ricorrere al taglio. io vi chiedo una consulenza specifica e dove in italia sono più attrezzati per fare l'intervento,se posso avere degli indirizzi, è urgente, vorrei operarmi prima dell'estate....ho tanta paura. non faccio che piangere perchè ho paura di non poter vedere crescere mio figlio. aiutatemi. cerco di darmi forza per fare questo intervento ma voglio essere seguita da medici competenti. grazie
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Gentile signora,
se la RM ha evidenziato il pur piccolo sanguinamento dell'angioma, esso va operato, pur con i rischi inerenti all'intervento.
Tutti i Centri di Neurochirurgia dovrebbero essere idonei a eseguire tale intervento, ma pubblicamente, per non far torto a qualche Centro,dimenticandolo nell'elenco, non è possibile indicarne uno o più dove la tradizione di neurochirurgia vascolare è maggiore.
Cordialità ed auguri

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio