Una risonanza il neurologo mi ha detto che risulta un angioma cavernoso nel cervelletto che

Buongiorno circa 15 giorni fà ho accusato dei problemi alla vista,
dopo aver fatto una risonanza il neurologo mi ha detto che risulta un angioma cavernoso nel cervelletto che comprime il nervo ottico.
Volevo chiedere se è operabile o è troppo rischioso e poi soprattutto le mie figlie possono avere il mio stesso problema in futuro.
grazie
[#1]
Dr. Nicola Benedetto Neurochirurgo 402 9 2
Gentile utente

il cervelletto ed il nervo ottico sono anatomicamente distanti, probabilmente ha riportato male i dati. Ad ogni modo i cavernomi sono lesioni operabili a seconda della localizzazione. Può controllare sul referto della RM dove effettivamente si trova?

Cordialmente

Dr. Nicola Benedetto
Neurochirurgia
Azienda Ospedaliera Universitaria Pisa
nicola.benedetto@gmail.com

[#2]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Gentile signora,
come Le ha già risposto il collega, i cavernomi sono operabili.
Io aggiungo però che l'operabilità va valutata attentamente e dipende da molti fattori.
Solitamente l'indicazione è maggiore se il cavernoma ha sanguinato.
E' consigliabile che Lei si consulti direttamente con un neurochirurgo.

Cordialmente
[#3]
Attivo dal 2012 al 2018
Ortopedico, Neurochirurgo
Concordo con i Colleghi: è indispensabile conoscere l'esatta posizione del cavernoma, e se questi presenta segni RM di pregresso sanguinamento.
Cordiali saluti,
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie per le vostre risposte comunque vi riporto testualmente quello che leggo nel referto della RMN:
L'esame è stato condotto con scansioni assiali, sagittali e coronali utilizzando immagini pesate in T1, T2, FLAIR e FE, ripetute dopo la somministrazione del mezzo di contrasto.
In fossa cranica posteriore, nella porzione paramediana sx del ponte, lungo il decorso intrassiale del sesto nervo cranico omolaterale, si osserva un areola di alterato segnale, caratterizzato da un aspetto "a coccarda" , francamente ipointenso nello studio FE, priva di un significativo enhancement dopo MDC; le sue caratteristiche depongono in prima ipotesi per un piccolo angioma cavernoso.
Non sono evidenti segni di recenti sanguinamenti sia nell'ambito della piccola lesione che nel parenchima adiacente.
Lungo il decorso intracisternale dei nervi oculomotori non sono per il resto evidenti altri reperti patologici; anche i muscoli oculari estrinseci presentano morfologia, dimensioni ed enhancement regolari e simmetrici.
Non sono evidenti altri reperti di rilievo nel restante parenchima cerebrale e cerebellare, ne accumuli patologici dopo MDC.
Il sistema ventricolare e gli spazi subaracnoidei della base e delle convessità sono nella norma.
Il neurochirurgo che ha visionato la mia RMN mi ha detto che l'angioma si trova in un punto molto particolare e che se non da dei problemi significativi non si interviene.
In conclusione mi dice di stare tranquillo, di non strafare,di evitare situazioni di stress, di sapere che c'è ma nello stesso tempo far finta che non c'è e di controllarmi periodicamente.
Detto ciò volevo sapere se comunque, oltre ai controlli che farò di routine, devo magari controllare l'alimentazione, il fumo (io fumo 5 sig. al di) ecc.
Vi ringrazio anticipatamente!
[#5]
Dr. Nicola Benedetto Neurochirurgo 402 9 2
Gentile utente

In effetti i cavernomi del tronco hanno una serie di indicazioni chirurgiche limitata. Da quello che scrive direi di essere assolutamente d'accordo con il parere del collega che l'ha visitata. le norme che ha citato (controllo dell'alimentazione, fumo di sigaretta, etc) sono cose di buonsenso da attuare sempre, diciamo che lei ha un buon motivo in più.

Cordialmente.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio