Lesione cerebrale

Dottori b.sera,mio nipote anni 22 a luglio ha una crisi epilettica effettua tac in pronto soccorso con esito negativo,mentre inizia a fare vari encefalogrammi dv si evince epilessia,18 ottobre un altra crisi dalla TAC:presenza di area di ipodensità a livello periventricolare dx,inizia terapia con antiepilettici e soldesam,oggi 31 ottobre RMN con mezzo di contrasto:IN regione temporo-occipitale dx a sede cortico-sottocorticale si apprezza un area ovalare di bassosegnale nelle immagini T1w ed elevato segnale in quelle T2w per la presenza di una porzione centrale francamente di segnale iperitenso nel cui contesto si apprezzano strie di assente segnale come di tipo vasale(neoangiogenesi);perifericamente a detta area è visibile un'area di medio elevato segnale con cercine periferico di basso segnale.Dopo iniezione l'area centrale presenta impregnazione a cercine con presenza di spot di impregnazione del tessuto nervoso perifericamente a detta area;nelle immagini di diffusione la lesione non presenta segni di restrizione dell'acqua;presenza di edema perilesionale;compressi gli spazi subaracnoidei perilesionali ed il trigono ventricolare di dx.IV ventricolo in sede e regolare.CONCLUSIONE:il reperto è in favore di una lesione espansiva intracerebrale edemigena meritevole di completamento di indagine con perfusione e spettro-RM per definirne le caratteristiche.CONSULTO NEUROLOGICO:Alla RMN reperto fortemente sospettoper P.E. in regione tempero-occipitale dx,si richiede consulenza neurochirurgica urgente.Abbiamo prenotato la visita per martedì al Regina Elena di Roma come consigliatoci,ci ha detto che si tratta di un tumore da operare,che è un pò preoccupante perkè c'è vascolarizzazione,ma per fortuna l'area è pikkola,siamo andati in panico e volevo delle delucidazioni da voi esperti perchè il paziente in questione si è sentito male per la notizia è quindi nn ci ha potuto dire più di tanto,volevo sapere nelle ipotesi peggiori a cosa andiamo incontro,aspetto una vostra risposta e vi rangrazio per il lavoro che fate per noi.
[#1]
Dr. Nicola Benedetto Neurochirurgo 402 9 2
Gentile utente,

in assenza di una diagnosi istologica è difficile dirle quale può essere la prognosi di suo nipote. Le lesioni cerebrali intrassiali possono andare dalla completa benignità al suo opposto ed è impossibile parlare di tutto questoo via internet. Sono invece d'accordo sul rimuovere la lesione quanto prima anch per avere un riscontro anatomo-patologico della lesione,

Cordiali saluti

Dr. Nicola Benedetto
Neurochirurgia
Azienda Ospedaliera Universitaria Pisa
nicola.benedetto@gmail.com

[#2]
dopo
Utente
Utente
Innanzitutto la ringrazio della sua celere risposta,volevo proporle ancora una domanda,nella RMN postata quali sono i fattori negativi e quali positivi nella diagnosi di tumore?Aspetto con ansia una risposta la ringrazio ancora.
[#3]
Dr. Nicola Benedetto Neurochirurgo 402 9 2
gentile signora,

Capisco che lei vorrebbe fare una sorta di "bilancio" tra le cose positive e quelle negative ma non funziona così. L'unica cosa che davvero importante è eseguire un consulto neurochirurgico per valutare l'approccio diagnostico\terapeutico adeguato.

Un cordiale saluto
[#4]
dopo
Utente
Utente
Dottore buongiorno,lunedi 19 mio nipote è stato operato,l'intervento è andato bene senza complicazioni oggi è sceso anche dal letto,a parte un pò il bruciore sembra che non fosse stato operato.Il professore dopo l'intervento ci ha detto che dall'estemporanea è uscita fuori una lesione ad alto grado quindi seguirà con radio e chemio,queste terapie serviranno per il poi anzichè il prima questa è stata la sua espressione lei cosa ne pensa?
[#5]
Dr. Nicola Benedetto Neurochirurgo 402 9 2
Non so cosa intendesse il collega con questa espressione. Di certo le posso dire che la prassi, nelle lesioni ad alto grado, è quella di fare seguire alla chirurgia una terapia adiuvante con chemio e radio.

Cordiali saluti

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio