Il dolore si azzerava

Gentilissimi Dottori,
Sono una signora di 47 anni. Da dieci anni soffro di dolori di cervicobracalgia,dopo un colpo di frusta, poi con Rm è stata dianosticata Ernia C5 -C6.
In questi ultimi 2 anni le recidive sono sempre più frequenti, mentre, prima con cure fisiatriche e antidorifiche il dolore si azzerava per un po' di anni. Quest'estatate ho preso antidolorifici, cortisone, di cui si è alleviato solo il dolore, ma rimane lo stesso, tra l'attacattura del collo e delle spalle e le scariche eletriche al braccio destro. Ho avuto un po' di sollievo per un mese con 5 sedute di mesoterapia antalgica, addesso sono al punto di prima.

RM 2011
Debordanza posteriore del discoC3-C4 e del discoC4-C5 con lieve impronta sulle retrostanti strutture nervose.
Ernia mediana - paramediana dx con impronta sulle retrostante strutture nervose a livello del disco C5 -C6.
Protusione mediana del disco C6 -C7 con impronta sulle retrostanti strutture nervose.
Lievemente ridotto il diametro speco vertebrale nel tratto C4-C7
Nei limiti il cono midollare

Volevo un vostro parere, i medici che ho consultato in questi ultimi anni, mi hanno sempre scorraggiato ad effettuare una visita neurochirurgica. Forse perchè la mia Rm non presenta una situazione grave da valutare un intervento?

Vi ringrazio
Cordiali saluti.







[#1]
Attivo dal 2012 al 2013
Neurochirurgo
Gent.le Sig.ra,

innanzitutto mi sembra assai strano che dei Colleghi le abbiano sconsigliato un controllo neurochirurgico: non ne vedo la ragione. In riferimento alla sua sintomatologia e dalla RMN che ha effettuato risulta evidente che il problema sia proprio localizzato a livello cervicale, nel senso che già nel 2011 la RMN documentava una patologia ai limiti dell'indicazione chirurgica e che i trattamenti intrapresi non hanno portato al risultato sperato. Il consiglio è di effettuare una nuova RMN poichè, non è possibile porre una diagnosi e soprattutto una terapia con un esame oramai datato. Con la nuova RMN VADA DAL NEUROCHIRURGO.cordialmente
[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio, mi conferma quello che sospettavo da tempo. Lo so che sembra strano ma è così. Mi sono sentita dire: "cosa serve rifare la RMN tanto le sue ernie peggioreranno sempre, pertanto, si deve fare una ragione del suo dolore andrà sempre peggiorando".
Adesso mi informerò quali sono gli ospedali specializzati (in Veneto), per fissare una visita dal Neurochirurgo.

La ringrazio moltissimo,
Cordiali saluti.
[#3]
Attivo dal 2012 al 2013
Neurochirurgo
E' davvero grave che un Medico le abbia detto quello che Lei sta riferendomi. NON E' ASSOLUTAMENTE VERO che le ernie peggioreranno per forza di cose e che dovrà sopportare il dolore per sempre; al contrario, una volta corretti i fattori di rischio (postura-carico-etc) la colonna non le darà più problemi. Purtroppo adesso potrebbe essere necessario in approccio NCH ma questo lo deciderà il Collega dopo averla visita. Auguri

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio