Ernia al disco e impotenza

Da circa due mesi ho riscontrato un improvviso calo delle "prestazioni" sessuali, con difficoltà a raggiungere
e mantenere l'erezione durante il rapporto. Da pochi giorni
sento invece un dolore alla schiena (zona lombare) che il
mio medico di base ha individuato come possibile ernia al
disco, malattia che colpisce infatti molti dei miei colleghi
di lavoro (sono cameraman TV). Può essere la compressione
del nervo spinale causa del deficit erettile? In precedenza
non avevo mai avuto problemi.

Per adesso gli esami fatti sono:

1) radiografia della colonna vertenrale (da cui non risulta niente)

2) esami del sangue, da cui risulta FSH e LH sotto la norma e
prolattina sopra la norma. Il testosterone è invece OK.

Nei prox giorni mi sottoporrò via via a visita andrologica,
ortopedica e risonanza magnetica alla colonna.

Grazie per l'attenzione.
[#1]
Prof. Paolo Perrini Neurochirurgo 817 37
Gentile Utente,
i disturbi che lei lamenta sono difficilmente correlabili in prima istanza alla presenza di una ernia discale lombare. In tal caso infatti dovrebbe lamentere anche altri sintomi come ritenzione urinaria con successiva incontinenza, progressivo deficit di forza agli arti inferiori da compressione della parte terminale del midollo spinale (cono midollare) e riduzione della sensibilitá nella regione del perineo.
Comunque dato che lamenta una lombalgia le consiglio una accurata visita medica ed eventualmente uno studio RMN del tratto lombare.
Cordiali saluti,

Dr Paolo Perrini
Neurochirurgia Universitaria,
Ospedale "Santa Chiara", Pisa.
perrinipaolo@hotmail.com
www.perrinipaolo.com

[#2]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Egr. signore,
fermo restando la validità di quanto ha scritto il collega Perrini, vorrei chiederLe come è insorto il disturbo sessuale, cioè gradualmente, in modo improvviso, a seguito di eventuali sforzi ?
Non ha mai avvertito un sintomo di quelli elencati dal collega?
In ogni caso condivido l'indicazione a eseguire una RMN del tratto lombare a cui aggiungerei quella del tratto dorsale e l'esecuzione dei PESS (Potenziali Evocati Somato Sensoriali) Arti Inferiori.

Ci faccia sapere

Cordialità
[#3]
dopo
Utente
Utente
Il disturbo sessuale è comparso praticamente da un giorno
all'altro e senza una causa apparente. Lì per lì ho pensato
a un normale calo fisiologico (ho quasi 35 anni), poi trascorso
un mese e iniziata una nuova relazione mi sono accorto di
avere effettivamente dei problemi. Riesco ad avere rapporti,
ma devo stare attento a non arrivare troppo stanco, a non
bere prima alcoolici etc. e il vigore comunque risulta molto
molto diminuito rispetto a prima, tanto che a volte io e la
mia partner abbiamo dovuto rinunciare alla penetrazione.

Non ho riscontrato nessuno dei sintomi indicati dal dr
Perrini, solo una leggera irradiazione del dolore all'
anca e lungo la colonna vertebrale. Circa dieci giorni
dopo la comparsa del disturbo sessuale ho avuto invece
un dolore ai testicoli, poi rapidamente scomparso.

[#4]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Si, penso sia opportuno consultare un Andrologo, ma gli esami che Le abbiamo indicato vanno comunque eseguiti.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa