Ernia discale intraforaminale sinistra

Gentili Dottori ho 46 hanni e sono un'Agricolore, da 4 anni soffro di mal di schiena. Nel 2004 dopo aver fatto una RM occasionalmente mi è stata riscontrata una ciste mesenterica di dimensioni di circa 13x8x13cm che mi è stata asportata con un intervento videolaparoscopico.L' ortopedico che mi aveva in cura pensava che la causa fosse questa (dolore di riflesso). Così non è stato e dopo alcuni mesi i dolori sono ricomparsi. Nel 2007 con l'acutizzarsi dei dolori alla schiena e ora anche alle gambe (con formicolii agli alluci di entrambi i piedi, + il sn). L'ortopedico mi fà ripetere la RM con il seguente esito: l'esame è stato eseguito con tecnica FSE per sequenze T1 e T2 dipendenti secondo piani di scansione assiali e sagitali. Regolare allineamento dei metameri lombari con appiattimento della fisiologica lordosi ed iniziali fenomeni degenerativo-artrosici intersomatici ed interapofisari lombari medio-inferiori. Diffusa alterazione di segnale di tipo degenerativo del disco intersomatico compreso tra L4-L5 che risulta ampiamente protuso in ambito endospecale e presenta località erniaria paramediana-foraminale Sn con secondaria compressione sulla radice L5 sn all'origine e sulla radice L4 omolaterale nel forame neurale. Modesta ipertrofia delle apofisi articolari, con secondaria lieve riduzione dei diametri canalari al livello L4-L5 bilateralmente. Modica protrusione endospecale del disco intersomatico L5-S1, interamente accolta al di sotto del legamento longitudinale posteriore e priva di significativo effetto compressivo radicolare. Regolari rapporti disco-somatici ai restanti livelli esaminati. Cono midollare normo posizionato nei limiti per morfologia e segnale. L'ortopedico, dopo aver esaminato la RM mi manda dal neurochirurgo che, dopo avermi visitato e visionato la RM mi consiglia il busto in tele-stecche e astensione da carichi sulla radiche lombare e mi prescrive terapia con LIXDOL 30 e SILORUD per 7 giorni. Dopo aver fatto le cure prescritte i dolori inizialmente sono diminuiti ma dopo poco tempo si sono riacutizzati con dolori ai polpacci delle coscie e ai polpacci delle ginocchia e con i formicolii continui agli alluci dei piedi + sn che prima erano solo notturni. Risentito il neurochirurgo mi consiglia intervento di microdiscectomia.
Potreste darmi un vostro parere?
Potrò riprendere il mio lavoro?
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Egr. signore,
stando al referto trascritto e ai sintomi riferiti, Lei è portatore di una ernia del disco tra la 4° e la 5° vertebra lombare che però sembrerebbe comprimere entrambe le radici,cioè la quarta e la quinta (quando solitamente al tale spazio l'ernia comprime solo la radice L5).
Tale quadro spiegherebbe i sintomi che Lei accusa sia alla coscia che alla gamba. Il formicolio al piede potrebbe dipendere dalla protrusione in L5-S1.
Stando così le cose, penso che l'indicazione chirurgica sia corretta.
Cordialmente
[#2]
dopo
Utente
Utente
Gent.mo Dott.Migliaccio, la ringrazio per la sua risposta chiara e immediata. Ho sentito parlare di una nuova tecnica d'intervento dove con una cannula ti iniettano una sostanza tra le vertebre che aumenta di volume e te le distanzia, ho capito bene?Potrebbe fare anche esso al mio caso?Dopo l'intervento (se tutto va bene) potrò riprendere a caricare sulla rachide lombare (cesta in spalle per la raccolta dei carciofi) e ore continue di lavoro sul trattore o dovrò fare programmi diversi?
Cordiali Saluti...
[#3]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Quella tecnica cui vagamente Lei si riferisce è utilizzabile per alcune fratture vertebrali (si tratta della cifoplastica o vertebroplastica).
Nel Suo caso sembrerebbe indicato il tradizionale intervento di discectomia con tecnica microchirurgica.
Salvo evenienze particolari, dopo un congruo periodo di convalescenza,potrà riprendere la vita normale, seguendo semplici precauzioni, come per esempio ridurre il peso della cesta di carciofi.

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Non mi resta che mettermi in lista d'attesa per l'intervento. Nel frattempo per limitare i dolori il medico di famiglia mi ha prescritto dicloreum 150 e tioside, ne faccio uso da due giorni per il momento senza risultato.Volevo chiedergli se è a conoscenza nella mia zona di qualche struttura specifica per l'intervento indicato?
La saluto e la ringrazio per il tempo che ci dedica.
[#5]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
A Cagliari vi è una Divisione di Neurochirurgia presso l'Università, facoltà di Medicina e Chirurgia.
Che tempii di attesa ci sono?

Cordiali saluti
[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie x l'informazione, le farò sapere in seguito i tempiii.Cordiali saluti
[#7]
dopo
Utente
Utente
Egr. Dottor Migliaccio, navigando in internet in cerca dell'indirizzo della Divisione di Neurochirurgia presso l'Università, facoltà di Medicina e Chirurgia da lei indicatami, ho trovato un sito dell'ospedale San Giovanni di Dio(http://www.medicinariabilitativa.it/news888d.html?ID=97) ho trovato il nome della tecnca (non chirurgica) di cui le chidevo notizie denominata "nucleoplastica".
Mi può spiegare in cosa consiste?
Potrebbe essere una buona alternativa?
L'indirizzo indicatomi da lei corrisponde all'ospedale San Giovanni di Dio?

La saluto e la ringrazio nuovamente per il tempo che dedica a me e a questo sito.
[#8]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Non mi pare che possa essere indicata, nel suo caso, altra tecnica alternativa, ma per un parere definitivo consulti l'ospedale indicato.
Cordialmente

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa