Ernia, instabilità, emicrania, malocclusione?

salve,
inanzitutto ringrazio chi sarà così cortese da rispobedere al quesito.
Soffro da anni di forte instabilità corporea:
in stazione eretta sento come se il terreno sotto ai piedi si muova o perda consistenza, gli occhi mi danno stimoli vertiginosi quando in una stanza guardo qualcosa e c'è una finestra il movimento esterno mi da vertigine.
Camminando barcollo come se fossi ubriaco o tirato da una parte all'altra da qualcuno, con la strada in salita la situazione peggiora notevolmente, salendo le scale avverto ad ogni passo un movimento oscillatorio breve dell'ambiente circostante.
Davanti ad un monitor sia in posizione seduta (pc) che eretta (bancomat) ho forti sensazioni di instabilità e giramento di testa a volte con scariche che simulano un mancamento.
Da sdraiato la situazione migliora anche se ogni tanto avverto delle sensazioni di movimento del corpo, sprofondamento senza che ci sia nessun movimento reale.
Ho 34 anni e dal 2002 sto in questa situazione.
Sono profondamente stanco della situazione anche perchè finora non ho avuto giovamenti dalle terapie effettuate.
Nell'ultimo periodo riuscivo a svolgere la mia attività quotidiana ma da una decina di giorni la situazione è precipitata.
Grazie
Simone Busilacchi
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Caro signor Simone,
è giusto avere fiducia nei medici, ma, pur ringraziandoLa, Lei pretende un po' troppo.
Infatti ci fornisce la descrizione di sintomi molto generici e non ci informa se, in ben 6 anni, ha fatto o no delle visite specialistiche (presso l'Otorino, per es.)o esami diagnostici particolari e il loro esito.
Ci dia elementi più precisi!

cordiali saluti
[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve,
ha ragione ma volevo un primo indizio.
Racconto le tappe:
2002- Colpo di frusta
Sintomi: collo rigido e senso di sbandamento. Dopo un paio di mesi ho fatto una RX cervicale che non rilevava nulla.
2002/2005- Consultato un fisiatra per dolori al collo e intercostali. Mi ha fatto varie infiltrazioni.
Ho cominciato ad avere addormentamento del braccio e dolore oltre al solito dolore al collo e spalle.
Ecodopller degli arti superiori risultato negativo.
Qualche seduta da osteopata ma senza risultato.
Effeattuata un RMN servicale dove risultava una piccola ernia in C5-C6.
Iniziato terapia con miorilassanti con limitati benefici.
2006- In quell'anno ho avuto un crollo. Mi trovavo in viaggio a Seoul ed ho avuto un'improvviso stato di malessere (pensavo di morire) con giramenti e senso di svenimento dolore al collo ed al petto (simil infarto) dolore sciatico, vomito. In ospedale il medico pensava ad una intossicazione e mi ha dato degli antibiotici.
Ho continuato il viaggio ma non mi sono più ripreso.
In Aprile di quell'anno sono stato costretto a letto per un paio di mesi a causa dei forti dolori e di una sopragiunta vertigine rotazionale che non ha fatto altro che peggiorare le cose.
Ho fatto un ciclo con cortisone.
Da nuova RMN sia cervicale che lombare risultava sempre l'ernia C5-C6 con processi osteofitici e un'ernia in L5-S1.
Ho consultato il Prof.Denaro, il quale mi ha prescritto miorilassanti e Samyr (che ho preso per un paio di giorni), mi sconsigliava l'intervento e mi disse di stare tranquillo e fare del nuoto, cosa impossibile per me visto che non riuscivo a stare in piedi.
Ho consultato il Prof.Meglio il quale mi propose subito l'intervento che per paura e per il parere contrario ricevuto ho evitato.
A Luglio 2006 ho effettuato un intervento sia alla parte lombare che cervicale all'ospedale di Pordenone dal Prof.Alexander con Ossigeno-Ozono.
Ho avuto buoni benefici per quanto riguarda la parte lombare (non ho più sciatica ma solo dolori sopportabili in alcuni gioni) ma pochi per la parte cervicale.
Ho fatto tutte le terapie fisiche del caso:
osteopata, chiropratico, ginnastica posturale globale, cranisacrale, tecar, mchenzie, metodo raggi, atlantotec, ho messo un byte.
Ho fatto tutti gli esami strumentali:
RMN encefalo, Tac Encefalo, sep e mep, elettromiografia,
RX torace, Day Hospital otorino al San Raffaele, tutti negativi tranne non ricordo se la sep o mep dove c'è un piccolo ritardo del segnale (magari riguardo meglio poi).
Tutto questo con risultati limitati nel tempo.
L'instabilità è perennemente presente e i dolori anche.
Ora ho contattato il Dott.Gismondi (otorino) che mi ha consigliato di andare dal Prof.Vicini a Forlì per indagare a fondo la parte otorinolaringoiatrica.
Ad Agosto ho incontrato il Dott.Muzii di Siena che mi ha proposto l'intervento alla cervicale con sostituzione del disco (Bryan), cosa che preferirei per il fatto di avere la mobilità e evitare sovracarichi dei livelli adiacenti.
Tutti mi sconsigliano di intervenire per le conseguenze e possibile peggioramento. Inoltre molti non collegano l'instabilità con l'ernia.
Che fare?....
[#3]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Lei ha fatto un sacco di terapie conservative che, a quanto pare, hanno risolto nulla o molto poco.
Ha avuto due pareri favorevoli all'intervento e, mi sembra, poco convinto.
Cosa posso dirLe? Credo anch'io che sia opportuno l'intervento con protesi di Bryan, ma senza visitarLa, senza vedere le immagini degli esami e senza valutare tutta la storia clinica, non posso confermarlo.
Cordiali saluti

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa