Emicrania persistente

Non ci posso credere che fra tanti specialisti non ci sia una che mi dia una risposta anche negativa ma l'importante che mi rispondiate perfavore. Ho 26 anni ed ho un emicrania persistente ed episodi vertiginosi ricorrenti, ho eseguito delle risonanze con e senza mezzo di contrasto nel 2005 e 2008.L'ultima R.M. del giugno 2009 recita cosi':esame eseguito con tecnica convenzionale ed in diffusione. voluminoso processo espansivo cistico in sede fonto-tempo-silviana sinistra, con effetto massa sul ventricolo ipsilaterale e sulle strutture mediante; quadro compatibile riferibile ad una cisti aracnoidea con segni di flusso liquorale al suo interno. Non edema del parenchima compresso. Normali le strutture della mediana e della fossa cranica posteriore.poi ho fatto un ecodoppler dei tronchi sopraortici nel settembre 2009 dice cosi': non ha rilevato alterazione vascolari dei distretti esaminati. Due neurochirurghi consultati non hanno posto indicazioni chirurgiche, perche' la sintomatologia persiste, un terzo mi ha consigliato di operarmi perche' quando mi vengono questi sintomi corro il rischio di di rimanere sulla sedia a rotelle o qualche malformazione del genere.Cosa mi consigliate di fare? vi ringrazio anticipatamente



[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Egr. Signore,
si tratta verosimilmente di una cisti aracnoidea ipertesa. In tal caso forse è indicato l'intervento di derivazione, ma ovviamente a distanza non posso confermarglielo.

Cordialmente
[#2]
dopo
Utente
Utente
innanzi tutto la ringrazio di avermi dato una risposta, non ho capito cosa significa l'intervento di derivazione, giustamente l'unica cosa che posso fare mandargli per email i responsi degli esami fatti fino adesso o tramite fax sempre se lei vuole
la ringrazio
cordiali saluti
[#3]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
L'intervento di derivazione consisterebbe nell'introdurre un catetere all'interno della cisti collegato a un tubicino che servirà a scaricare, di solito in addome, il liquido contenuto nella cisti.
In tal modo la pressione all'interno della cisti diminuirà ed essa non avrà più effetto compressivo sulla corteccia cerebrale.

Inviare il referto degli esami serve a poco o nulla senza le immagini radiologiche.

Cordiali saluti
[#4]
dopo
Utente
Utente
Siccome ho consultato vari medici e mi sconsigliavano d'intervenire, che rischio corro se faccio quest'intervento?lo posso fare? è se faro' quest'intervento la cisti scomparira' o qualche residuo rimarra'
grazie di tutto
[#5]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Egr. signore,
io non ho a disposizione nè le immagini nè ho la possibilità di visitarLa per poter porre o no l'indicazione all'intervento.
Un intervento chirurgico si effettua se è necessario valutando rischi e benefici e soprattutto il rischio, qualora fosse necessario, di non operare.

Senza un riscontro obiettivo non posso conoscere se la cisti è davvero responsabile dei Suoi sintomi, se è davvero sotto tensione o se, come la maggior parte delle cisti aracnoidee, sono clinicamente silenti, ovvero non producono sintomi.

Se i medici che Le hanno sconsigliato l'intervento sono neurochirurghi, come sembra, avranno fatto le considerazioni opportune, ma un terzo neurochirugo, come Lei dice, Le ha invece consigliato diversamente.

Non so che dirLe, senza una valutazione diretta.

Cordiali saluti

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa