Utente
Salve dottori.
Ho chiesto un parere neurologico su questo sito che mi ha molto soddisfatto e desideravo avere un parere neurochirurgico.
Mentre cammino o vedo la tv o il telefono vedo doppio e sfocato. Questa sensazione dura circa 1 ora e inoltre mentre cammino perdo spesso l'equilibrio. Mi ritrovo a terra confuso e frastornato. Spesso ho formicolio insistenti e non sento al tatto alcune parti del corpo.
La visita neurologica riportava l'esito:
Studente liceale normopeso di 60 kg e 177 cm. Midriasi pupillare. Nistagmo rilevante bilaterale. Test di banbinski positivo. Al test dei mingazzini deficit di forza a dx. Al test di Romberg moderata instabilità con tendenza al barcollamento. Iposensibilità all'arto dx superiore. Deficit di forza all'arto dx e sx inferiore. Insensibilità del polpaccio dx e del tricipite sx.
Necessaria rm con mdc encefalo e midollo spinale.
Esito rm:
Esame eseguito con apparecchiatura ad alto campo con tecnica SE TSE e FLAIR ad immagini pesate t1 T2 e DWI.
Si documenta verosimile lesione espansiva di 3.5x4.1×2.8 cm al livello del tronco encefalico, peduncoli cerebellari, cervelletto e lobo occipitale. Tale lesione produce effetto massa sui tessuti circostanti, aumentata diffusione in DWI e presenza di lieve edema. Dopo mdc impregnazione patologica( contrast enhacment)
In prima ipotesi tale lesione è ascrivibile a neoplasia gliale di II/III grado (glioma fibrillare/anaplastico).
Numerose e voluminose lesioni demielinizzanti si osservano nella materia bianca periventricolare, nel talamo, nei nuclei della base, nel lobo temporale e frontale. La lesione più voluminosa raggiunge il diametro di 2.7 cm. Vengono riscontrate 25 lesioni encefaliche demielinizzanti a carattere aggressivo/infiltrante. Dopo somministrazione di mdc 12 lesioni assumono tenacemente il mezzo di contrasto. In virtù del quadro radiologico la lesione riscontrata nel tronco encefalico appare di dubbia interpretazione (voluminosa lesione demielinizzante?).
L'indagine radiologica del rachide dimostra regolare morfologia dei dischi vertebrali. Lieve protrusione discale a l4-l5 e l5-s1 con tenue impronta sul sacco durale. Si documentano 7 lesioni nettamente demielinizzanti a livello c2-c3 c5-c6 d4-d5 D8-D9 l1-l2 e l4-l5. Dopo mdc 4 lesioni assumono impregnazione patologica.
In virtù del quadro radiologico appare necessario e urgente affidarsi ad un centro neurologico di alta specializzazione in tempo altamente ristretti.
Visita oculistica:
Paziente con numerose lesioni demielinizzanti e verosimile eteroplasia gliale.
Midriasi pupillare bilaterale e nistagmo bilaterale.
Occhio dx: 7/10 occhio sx: 7/10
Astigmatismo miopico.
2 gradi per occhio.
Al fondo oculare retinopatia ipertensiva di 2 grado. Neurite ottica marcata con rigonfiamento del nervo ottico.
Moderatamente abbassato il campo visivo.

Adesso aspetto di andare al Carlo Besta di Milano. Comprendo i limiti di un consulto ma a vostro parere la situazione è complessa?
Ringrazio in anticipo.

[#1]  
Dr. Nicola Marengo

24% attività
8% attualità
12% socialità
CUNEO (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Buongiorno,

Sí, a quanto si può capire da ció che scrive la situazione é abbastanza complessa ma sono convinto che i colleghi del Besta di Milano potranno darle sicuramente una mano.
Sono tra i migliori nel trattamento di queste patologie.
Si affidi a loro traquillamente. Auguri per una pronta guarigione!
Dr. Nicola Marengo
nicolamarengo@icloud.com
AOU Cittá della Salute e della Scienza di Torino

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore
La ringrazio per la risposta. Volevo aggiornarla sulla mia situazione.
Ho effettuato la rm funzionale e spettroscopica:
Esame condotto con apparecchiatura ad alto di 3 tesla con tecnica SE TSE e FLAIR ad immagini pesate t1 t2 dwi.
Vengono confermate le lesione demielinizzanti precedentemente riscontrate.
Vengono riscontrate oltre 27 lesioni, 13 delle quali in fase attiva(impregnazione patologica di mdc).
Si riscontra lesione espansiva eteroplasia delle dimensioni di 4,4×3,4×3,5 cm localizzata nel lobo occipitale, tronco encefalico, peduncoli cerebellari e cervelletto. La lesione genera marcato effetto massa sulle strutture circostanti con moderato edema perilesionale. La lesione appare compatibile con una lesione necrotico-cistica con intenso contrast enhacment.
Studio spettroscopico: anomalo aumento del metil-aspartato, mioinositolo basso,aumento della glicina.
Marcato aumento della colina come patologica da marcato turno vero cellulare.
In virtù delle caratteristiche morfo-metaboliche la lesione risulta ascrivibile a glioblastoma multiforme who 2007.
La diagnosi è questa ma non mi lascio abbattere dalla delusione. Spero è sono convinto di potercela fare.
La saluto e le darò notizie.
Un caloroso abbraccio.

[#3]  
Dr. Nicola Marengo

24% attività
8% attualità
12% socialità
CUNEO (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Bravo! questo é sicuramente l' atteggiamento giusto per affrontare la patologia. Le auguro il meglio! Mi tenga aggiornato se le fa piacere! Un grande abbraccio anche a lei!
Dr. Nicola Marengo
nicolamarengo@icloud.com
AOU Cittá della Salute e della Scienza di Torino

[#4] dopo  
Utente
Gentile dottore
È un po di tempo che non ci sentiamo.
sono stato operato e purtroppo la diagnosi è di glioblastoma multiforme.
Dall'intervento ho perso l'uso della parte sinistra del corpo, non ho equilibrio e non posso camminare.
Fortunatamente ragiono e parlo bene però tutto è una gran fatica, d'altra parte mi chiedo certe volte perchè lotto se so di non avere speranze.
Poi però ripenso sempre a tutto, alla mia famiglia, alla mia fidanzata e non smetterò di lottare.
La saluto e spero di poterla aggiornare.
Con simpatia.

[#5]  
Dr. Nicola Marengo

24% attività
8% attualità
12% socialità
CUNEO (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Buongiorno,
È un piacere risentirti. La diagnosi istologica purtroppo non é delle migliori ma la tua forza d' animo sembra essere nettamente superiore alla malattia.
Mi stai ricordando ed insegnando (a me ed a tutti coloro possono leggere questo sito) quanto i nostri affetti siano effettivamente il cuore della nostra vita e quanto sia fondamentale coltivarli e trarre da loro quanta più possibile felicità.
Sei un gran lottatore (almeno é quello che traspare
dalle tue parole) e questo non può che aiutarti sempre. Anche e soprattutto in questo delicatissimo momento.
Un caro abbraccio a te ed a tutte le persone a te vicine. Aggiornami quando puoi. Sarà sempre un piacere poter leggere di te.
Nicola
Dr. Nicola Marengo
nicolamarengo@icloud.com
AOU Cittá della Salute e della Scienza di Torino